Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie

Caro ministro pensi ad assumere gli idonei Mibac: 70 a fronte di 3mila pensionamenti

Lo scenario di incertezza nella Legge di Bilancio 2019

La sede del Ministero per i Beni culturali

Il Comitato Idonei Mibac esprime preoccupazione per lo scenario di incertezza in materia di assunzioni venutosi a creare a seguito delle disposizioni contenute nella Legge di bilancio 2019 (Legge 30 dicembre 2018, n. 145, in Gazzetta Ufficiale 31.12.2018, n. 302, Supplemento Ordinario n. 62). Infatti all’articolo 1, comma 339 si legge che «è consentito lo scorrimento, nel limite massimo di spesa di 3,75 milioni di euro, per un numero di posizioni superiore al 100 per cento dei posti messi a concorso, delle graduatorie relative alle procedure di selezione pubblica bandite ai sensi dell’articolo 1, commi 328 e seguenti, della legge 28 dicembre 2015, n. 208». Tuttavia l’articolo 1, comma 399 dispone che «per l’anno 2019 […] i Ministeri […], in relazione alle ordinarie facoltà assunzionali riferite al predetto anno, non possono effettuare assunzioni di personale a tempo indeterminato con decorrenza giuridica ed economica anteriore al 15 novembre 2019».

È nostra intenzione evidenziare che lo scorrimento delle graduatorie relative al concorso per funzionari bandito nel 2016 non rientra nelle «ordinarie facoltà assunzionali» bloccate fino al 15 novembre 2019, in quanto, come si legge al comma 339 di autorizzazione dello scorrimento, «alla copertura degli oneri, a decorrere dall’anno 2019, si provvede a valere sulle risorse del fondo di cui all’articolo 1, comma 365, lettera b), della legge 11 dicembre 2016, n. 232, come rifinanziato ai sensi del comma 298 del presente articolo». Si tratta di un fondo «da destinare ad assunzioni di personale a tempo indeterminato in aggiunta alle facoltà assunzionali previste a legislazione vigente […], tenuto conto delle specifiche richieste volte a fronteggiare indifferibili esigenze di servizio di particolare rilevanza e urgenza in relazione agli effettivi fabbisogni, nei limiti delle vacanze di organico» (Legge n. 232/2016, comma 365).

Pertanto, a fronte della grave carenza strutturale di organico, più volte lamentata, è facoltà del Mibac inoltrare al Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione specifica richiesta volta a fronteggiare indifferibili esigenze di servizio di particolare rilevanza e urgenza, in relazione agli effettivi fabbisogni, mediante lo scorrimento delle graduatorie del concorso per funzionari bandito nel 2016. Le relative assunzioni non sono interessate dal blocco fino al 15 novembre 2019 delle ordinarie facoltà assunzionali, in quanto coperte da un fondo ad hoc, già stanziato e rifinanziato per il 2019, il cui utilizzo è disposto in aggiunta alle facoltà assunzionali previste a legislazione vigente.

Ricordiamo che gli idonei rimasti in graduatoria sono ormai circa 70, un numero esiguo dal punto di vista finanziario, a maggior ragione considerando che, secondo stime del Mibac, i pensionamenti ammontano a circa 3mila unità. Se, come dichiarato in più occasioni, le assunzioni costituiscono per il Mibac una priorità, alla luce di quanto sopra chiediamo al ministro Alberto Bonisoli di sbloccare la situazione degli idonei prima del 15 novembre 2019, confidando in un positivo accoglimento della nostra istanza.






Il 23 gennaio 2019 questa questione è stata oggetto di un'interrogazione parlamentare.
Ecco il relativo comunicato stampa. 


 
La questione degli idonei Mibac entra in Parlamento
In data 23 gennaio 2019, nella seduta n. 82, i senatori PD Ginetti, Alfieri, Cucca, Fedeli, Ferrazzi, Giacobbe, Patriarca, Stefano, Taricco hanno rivolto un'interrogazione parlamentare (Atto n. 4-01135) al Ministro per i beni e le attività culturali Alberto Bonisoli, in merito alla questione degli idonei al concorso per funzionari bandito nel 2016, a seguito del combinato disposto dall'art. 1, comma 339 (autorizzazione allo scorrimento) e comma 399 (blocco delle ordinarie facoltà assunzionali per i Ministeri fino al 15.11.2019) della Legge. n. 145/2018 (Legge di bilancio 2019).
Nello specifico l'interrogazione è finalizzata a sapere:
- se il Ministro ritenga che lo scorrimento delle graduatorie relative al suddetto concorso non rientri nelle "ordinarie facoltà assunzionali" bloccate fino al 15.11.2019, in quanto coperto da un fondo destinato ad assunzioni di personale a tempo indeterminato in aggiunta alle facoltà assunzionali previste a legislazione vigente (art. 1, co. 365, lett. b, L. n. 232/2016, rifinanziato per il 2019 dall'art. 1, co. 298, L. n. 145/2018);
- se non ritenga pertanto opportuno, a fronte della grave carenza strutturale di organico più volte lamentata, inoltrare al Ministro per la pubblica amministrazione specifica richiesta volta a fronteggiare indifferibili esigenze di servizio di particolare rilevanza e urgenza, in relazione agli effettivi fabbisogni, mediante lo scorrimento delle graduatorie del suddetto concorso;
- quali provvedimenti intenda adottare al fine di procedere all'assunzione dei circa 70 idonei rimasti in graduatoria, in ragione anche delle stime del Ministro relative agli oltre 3.000 pensionamenti previsti, che andrebbero ad incidere sull'efficienza, sulla capacità della stessa organizzazione di svolgere i compiti e le funzioni assegnate.
Finalmente la questione degli idonei Mibac entra in Parlamento. Attendiamo ora dal Ministro Alberto Bonisoli una risposta chiara e concreta.
Invitiamo alla massima diffusione della notizia e ringraziamo per la collaborazione.
Link all'interrogazione parlamentare: http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/18/Sindisp/0/1097747/index.html
28 gennaio 2019
Comitato Idonei Mibac
Contatti
Email: comitatoidoneimibact@gmail.com
Facebook: Comitato idonei concorso Mibact
Twitter: @IdoneiMibact

Comitato Idonei Mibac, edizione online, 26 gennaio 2019


Ricerca


GDA aprile 2019

Vernissage aprile 2019

Il Giornale delle Mostre online aprile 2019

Vedere a ...
Vedere a Milano aprile 2019

Focus on Design

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012