ARTEFIERA 970x90
Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

Archeologia

Meraviglie dal SUDAN | 6. Meroe

Il taccuino di viaggio di Francesco Tiradritti

Piramide (Beg. 21) di sovrano non identificato a Meroe (Foto F. Tiradritti)

La prima volta che ho visitato Meroe era il 1992. Mi trovavo in Sudan con la missione de «La Sapienza» di Roma e stavamo aspettando i permessi per cominciare a lavorare al Gebel Barkal. L’Ambasciatore italiano di allora aveva messo a nostra disposizione due fuoristrada. Il sistema viario sudanese non si era ancora evoluto e si raggiungeva Meroe percorrendo piste nel deserto.

Sulla sabbia apparivano come strisciate di pneumatici intersecantesi le une alle altre che formavano tracciati misteriosi e imperscrutabili. Gli autisti li percorrevano con una sicurezza che destava la più totale ammirazione ma che non riusciva a fugare del tutto il timore che potessero perdersi. E noi con loro.

Fu un viaggio di balzi, rimbalzi e sobbalzi e raggiungemmo Meroe quando ormai era già calata la notte. L’unica sistemazione allora disponibile era lo scheletro di un edificio in costruzione. Mangiammo quel poco che avevamo portato da Khartoum e poi ci concedemmo una breve passeggiata. Non c’era la luna, ma il cielo era soffocato da una miriade di stelle.

Francesco Tiradritti, edizione online, 2 dicembre 2019

©RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Le piramidi di Meroe Beg. 21 e 22 dal deserto (Foto F. Tiradritti)
  • Le piramidi settentrionali di Meroe da nord (Foto F. Tiradritti)
GDA413GDA413 VERNISSAGEGDA413 GDECONOMIAGDA413 GDMOSTRE
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012