Il cambio climatico e i siti Unesco nel Mediterraneo: Pisa

Che cosa ne sanno e che cosa decidono di fare i rispettivi governanti?

Laura Lombardi |

Le città antiche del Mediterraneo erano costruite sull'acqua. Ma oggi l'acqua sale e diventeranno città sommerse. Una ricerca pubblicata dalla più autorevole rivista scientifica del mondo «Nature», dà per certi i danni gravissimi provocati dai cambiamenti climatici ai 49 siti del Patrimonio Unesco lungo le sponde del Mediterraneo. 37 di loro saranno inondati entro il 2100.

Pisa: fino a 1,9 metri nel 2060

Pisa. Patrimonio mondiale Unesco dal 1987, Piazza dei Miracoli è il cuore religioso e monumentale di Pisa. Comprende la Cattedrale (con capolavori di Cimabue e Giovanni Pisano), il Battistero, il Campo Santo e il Campanile, la celebre Torre Pendente. In Toscana è il solo sito indicato tra quelli a «potenziale rischio di inondazione» causata dall’erosione delle coste e dall’innalzamento del livello del mare, non prima però del 2060 quando lo «storm surge» (innalzamento) potrebbe raggiungere
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Laura Lombardi