GDA415 IN EDICOLA
Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

Furto in una mostra a Pompei, rubata una borchia in bronzo del VI secolo a.C.

La ricostruzione  del portone con le borchie

Pompei (Napoli). Una borchia in bronzo risalente a un periodo compreso tra la seconda metà del VI secolo a. C.  e l’inizio del V a.C.,  applicata su una riproduzione della porta di Torre di Satriano esposta nella mostra «Pompei e i Greci», è stata rubata la notte scorsa dallo spazio in cui è allestita la rassegna.  Il reperto, dal diametro di 7,3 cm, era stato prestato, assieme ad altri tre simili, dal Museo della Basilicata «Dinu Adamesteanu» di Potenza.  Il pezzo trafugato è assicurato per un valore di  trecento euro. «La  borchia, spiega Massimo Osanna, direttore generale della Soprintendenza archeologica speciale di Pompei, era, come le altre tre, avvitata sul pannello espositivo e coperta da lastra trasparente di protezione pertanto la rimozione del pezzo deve aver richiesto un tempo necessario a evitare i controlli».
L’area espositiva, che si trova nella Palestra Grande di Pompei, è presidiata, di giorno, da personale Ales e di notte sottoposto a videosorveglianza, oltre a essere dotata di sistema di allarme.

Carlo Avvisati, edizione online, 18 maggio 2017

©RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Carlo Rescigno mostra la ricostruzione degli elementi decorativi della Torre di Satriano
  • Le borchie usate per la ricostruzione della porta di Torre Satriano
GDA415GDA 415 GDMostre
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012