Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Tutto Mucha

Retrospettiva a Palazzo Pallavicini con opere appartenenti alla fondazione dell'artista, alcune mai esposte in Italia

Alphonse Mucha «Rêverie», 1897. Foto: Fondation Mucha, Prague, Mucha Trust 2018

Bologna. Un profluvio di manifesti, poster, cartelloni che hanno fatto la storia dell’Art Nouveau e dello spettacolo nella Parigi fin-de-siècle, ma anche numerosi disegni e fotografie (c’è anche Gauguin seminudo che suona il pianoforte). Tutto ciò compone la rassegna che dal 29 settembre al 20 gennaio 2019, Palazzo Pallavicini dedica al ceco Alphonse Mucha (1860-1939) attraverso l’ordinamento di 80 opere appartenenti alla Fondazione Mucha (27 mai esposte in Italia).

I lavori, caratterizzati dalle forme sinuose e colori pacati che resero famosissimo l’artista in vita, sono suddivisi in tre sezioni tematiche dedicate a «Donne, icone e muse» (largo spazio al suo soggetto preferito, l’attrice Sarah Bernhardt, la «Gismonda»), a «Le style Mucha, un linguaggio visivo», che punta sulla bellezza come veicolo dell’educazione attraverso i manifesti pubblicati dal suo editore Champenois e a «Bellezza, il potere dell'ispirazione» dove la curatrice Tomoko Sato analizza la fase finale di Mucha impegnato nella sua Cecoslovacchia.

Stefano Luppi, edizione online, 30 settembre 2018


Ricerca


Visita il nuovo sito Il Giornale delle Mostre
Il Giornale delle Mostre online

GDA febbraio 2019

Vernissage febbraio 2019

Vedere a ...
Vedere a Bologna 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012