Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre Archeologia

L’archeologia dei tedeschi

I più spettacolari ritrovamenti archeologici in Germania nell’ultimo ventennio

Il "disco del cielo" di Nebra, la prima raffigurazione concreta del cosmo mai fatta dall'uomo. Himmelscheibe von Nebra, bronzo e oro, 1600 ca. © Landesamt für Denkmalpflege und Archäologie Sachsen Anhalt, Foto di Juraj Liptäk

Berlino. «Tempi irrequieti. Archeologia in Germania» è il titolo della mostra più attesa dell’autunno berlinese al Martin-Gropius-Bau. Patrocinata dal Museum für Vorund Frühgeschichte, il Museo di Preistoria e Protostoria, insieme all’Associazione nazionale degli archeologi tedeschi e dal presidente della Repubblica F.-W. Steinmeier, è il contributo tedesco alle celebrazioni per l’Anno Europeo del Patrimonio Culturale.

La rassegna, aperta dal 21 settembre al 6 gennaio e allestita su 1.600 mq nel piano terra del museo, presenta i più spettacolari ritrovamenti archeologici effettuati in Germania nell’ultimo ventennio.

Fra i circa 300 reperti esposti, in prestito da oltre 70 istituzioni nazionali e private: il colossale muro del porto romano di Colonia, riportato alla luce durante gli scavi per la metropolitana cittadina; alcuni pezzi pregiati dell’epoca delle grandi migrazioni del Neolitico, come quelli provenienti dall’enigmatico, estesissimo sito sacrificale di Herxheim in Renania-Palatinato; i resti della prima battaglia europea archeologicamente documentabile (a Tollens, in Meclemburgo-Pomerania) avvenuta circa 3.200 anni fa in piena Età del Bronzo; gli oltre 117 oggetti riportati alla luce nel 2011 a Gessel (Bassa Sassonia), tremila anni di età, che costituiscono uno dei più colossali depositi in oro nei territori della Mitteleuropa; e infine gli highlight più attesi: la Venere paleolitica di Hohle Fels (Baden-Württemberg), la più antica rappresentazione del corpo umano oggi conosciuta (circa 40mila anni) e lo spettacolare Disco di Nebra («Himmelscheibe», disco del cielo), dalla Sassonia-Anhalt, con la prima concreta raffigurazione del Cosmo mai fatta dall’uomo.

Francesca Petretto, da Il Giornale dell'Arte numero 389, settembre 2018


Ricerca


Sovracoperta dicembre 2018

GDA dicembre 2018

Vernissage dicembre 2018

Vademecum Intesa Sanpaolo dicembre 2018

Vedere a ...
Vedere in Campania 2018

Vedere in Canton Ticino 2018

Vedere in Sardegna 2018

Vedere a Torino 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012