Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Fotografia

Scianna: vi racconto me stesso

Al San Domenico 50 anni di carriera del fotografo siciliano

Ferdinando Scianna, «Marpessa. Caltagirone, 1987», © Ferdinando Scianna

Forlì. Con circa duecento scatti in bianco e nero, il 22 settembre inaugura ai Musei di San Domenico «Il viaggio il racconto la memoria», mostra antologica che ripercorre i cinquant’anni di carriera di Ferdinando Scianna (Bagheria, 1943). Curata da Denis Curti, Paola Bergna e Alberto Bianda, organizzata da Civita Mostre e promossa dalla Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì e da Civitas, in connessione con la Settimana del Buon Vivere, sarà visitabile fino al 6 gennaio (catalogo Marsilio).

Articolata in cinque sezioni, la mostra attraversa le numerose tematiche affrontate da Scianna a partire dagli anni Sessanta, quando ha iniziato a ritrarre i suoi concittadini di Bagheria, alle porte di Palermo, e a documentare le tradizioni religiose siciliane, raccogliendo le fotografie in due libri, Quelli di Bagheria e Feste religiose in Sicilia divenuti immediatamente due classici. Da quel primo esordio, il suo percorso professionale si è arricchito di incontri e successi, che lo hanno portato a essere, nel 1983, il primo italiano presente nella celebre agenzia Magnum, e a sviluppare anche significative esperienze nel mondo della moda, in particolare quella con Dolce & Gabbana con l’iconica presenza di Marpessa.

Uno sguardo da reporter, che si sofferma sull’attualità, la guerra, i viaggi, sempre con l’intenzione primaria di raccontare il mondo così come appare: «Ho sempre considerato di appartenere al versante dei fotografi che le immagini le trovano, quelle che raccontano e ti raccontano, come in uno specchio». Non mancano alcune ossessioni tematiche ricorrenti, come gli specchi appunto, gli animali, le cose e una sezione dedicata ai numerosi ritratti che ha realizzato ad amici illustri, protagonisti del panorama culturale e artistico nazionale e internazionale del Novecento come Leonardo Sciascia, Henri Cartier-Bresson, mentore e modello etico ed estetico, Jorge Louis Borges. Tramite l’audioguida, Scianna stesso racconterà il proprio percorso e il suo modo di intendere la fotografia.

Dopo Forlì la mostra sarà proposta in altre città in Italia, a partire da Palermo e Venezia,
e all’estero.

Monica Poggi, da Il Giornale dell'Arte numero 389, settembre 2018


Ricerca


Visita il nuovo sito Il Giornale delle Mostre
Il Giornale delle Mostre online

GDA febbraio 2019

Vernissage febbraio 2019

Vedere a ...
Vedere a Bologna 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012