Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Il potere degli idoli

Figure antropomorfe e stilizzate della Collezione Ligabue a Palazzo Loredan

La «Venere Ligabue» in clorite (Iran orientale-Asia Centrale, civiltà dell'Oxus, 2200-1800 a.C. circa). Crediti: Fondazione Giancarlo Ligabue - foto di Hughes Dubois

Venezia. Dal 15 settembre al 20 gennaio a Palazzo Loredan (sede dell’Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti) un centinaio di reperti databili tra fine 4000 e 2000 a.C. narrano gli idoli, le loro molteplici fattezze antropomorfe e stilizzate, il loro valore e significato, ponendo a confronto quanto rinvenuto da Occidente a Oriente: da Penisola Iberica, Cicladi, Anatolia, Egitto sino alla Valle dell’Indo e all’Estremo Oriente.

Promossa dalla Fondazione Giancarlo Ligabue, la mostra «Idoli. Il potere dellimmagine» a cura di Annie Caubet, conservatrice onoraria del Musée du Louvre, vanta prestiti nazionali e internazionali: 14 in tutto i manufatti a figura umana appartenenti alla fondazione veneziana accanto all’Ashmolean Museum dell’Università di Oxford, i Musées Royaux d’Art et d’Histoire di Bruxelles, il Museo Arqueológico Nacional di Madrid, il Polo Museale della Sardegna - Museo Archeologico Nazionale di Cagliari, il Museo di Cipro a Nicosia e il Musée d’Archéologie Nationale et Domaine National de Saint-Germain-en-Laye.

Dagli idoli placca della Penisola Iberica alle figure femminili steatopigie come quella in basalto raffigurante la Grande Madre (Arabia Sud-occidentale, IV millennio a.C.) il viaggio cronologico include quindi figure schematiche astratte, idoli oculari a corpo sferico, convesso, quadrangolare (III millennio, Asia Occidentale); le statuette di re sacerdoti mesopotamici (anch’essi ascrivibili al III millennio), quelle cicladiche dalla sessualità ibrida (si veda la calcarea Dama di Lemba a forma di violino, con le braccia aperte e modellata in modo da accentuare sia seno che pube) e quelle attinenti alla cosiddetta Civiltà dell’Oxus sviluppatasi in Asia centrale (2000-1800 a.C.) e connotata da figure da duplice identità, ferina e umana: il Drago dell’Oxus con il corpo coperto di squame di serpente, e la sua controparte selvaggia, la dea dell’Oxus.

Dalla rivoluzione neolitica in poi, un percorso che indaga, come sottolinea in catalogo (edito da Skira) la curatrice stessa, «popoli e artisti diversi (ma collegati da proficue reti di contatti) che seppero esprimere le loro ansie, speranze e fedi religiose creando capolavori eterni».

Veronica Rodenigo, da Il Giornale dell'Arte numero 389, settembre 2018


Ricerca


Sovracoperta dicembre 2018

GDA dicembre 2018

Vernissage dicembre 2018

Vademecum Intesa Sanpaolo dicembre 2018

Vedere a ...
Vedere in Campania 2018

Vedere in Canton Ticino 2018

Vedere in Sardegna 2018

Vedere a Torino 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012