CONTINENTE ITALIA 970 x 90 Nuova testata GDA

Vernissage

Cerco l'uomo

Per il Premio Nobel Gao Xingjian il ruolo dell’artista è risvegliare le coscienze. E il nuovo umanesimo nasce dall’accettazione della disarmonia

Gao Xingjian fotografato da Robert Wilson

Un artista totale che rivendica l’indipendenza della cultura dagli interessi politici, dagli aspetti utilitaristici e, soprattutto, dalle ideologie, opponendosi a tutti gli «ismi» che hanno, spesso tragicamente, contraddistinto la storia del Novecento: così si presenta oggi Gao Xingjian (nella foto di Robert Wilson), narratore, saggista, poeta, pittore, drammaturgo e regista, primo autore di origine cinese a vincere, nel 2000, il Premio Nobel per la Letteratura.

Nato nel 1940 a Ganzhou, dopo la laurea in Letteratura francese a Pechino inizia a lavorare come traduttore dei classici del Novecento. Durante la Rivoluzione culturale viene inviato per cinque anni nei campi di «rieducazione» di Mao ed è costretto a bruciare tutti i manoscritti ancora non pubblicati. Lui però non demorde e all’inizio degli anni Ottanta arriva al successo come narratore e drammaturgo: le sue prime pièce segnano l’inizio del teatro sperimentale in Cina e lo consacrano come autore d’avanguardia. Nella Cina comunista, però, l’opera teatrale Fermata d’autobus è vietata dopo poche repliche e lo espone a violenti attacchi.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Margherita Criscuolo, da Il Giornale dell'Arte numero 388, luglio 2018

©RIPRODUZIONE RISERVATA


GDA412 Bertozzi & Casoni

GDA412

GDA412 Vernissage

GDA412 GDECONOMIA

GDA412 GDMOSTRE

GDA142 Vedere in Canton Ticino

GDA412 Vedere a Torino

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012