ARTEFIERA 970x90
Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

Mostre

Impollinazioni incrociate in una realtà complessa

Manifesta 12 nelle parole di Ippolito Pestellini Laparelli, uno dei curatori

Ippolito Pestellini Laparelli. © Manifesta, foto CAVE Studio

Palermo. Quale migliore metafora del giardino per parlare di convivenza fra specie e immaginare uno spazio concettuale frutto di un processo di impollinazioni incrociate? «Il Giardino Planetario. Coltivare la coesistenza» è il titolo di Manifesta 12, nata dallo studio urbano «Palermo Atlas», condotto dallo studio OMA-Office for Metropolitan Architecture.
Ne parla Ippolito Pestellini Laparelli, architetto e partner di OMA e creative mediator di questa edizione.

Come è stato sviluppato il progetto?
Con un modello curatoriale interdisciplinare, intrapreso insieme a tre curatori non provenienti dal mondo dell’arte contemporanea (Mirjam Varadinis, Bregtje van der Haak e Andrés Jaque). Per esplorare l’idea di coesistenza, all’interno dei flussi planetari e attraverso la lente di Palermo, abbiamo mobilitato professionisti ed esperti in diverse discipline: artisti, botanici, geografi, scrittori, filmmaker, ...
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

Micaela Deiana, da Il Giornale dell'Arte numero 387, giugno 2018

©RIPRODUZIONE RISERVATA
GDA413GDA413 VERNISSAGEGDA413 GDECONOMIAGDA413 GDMOSTRE
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012