Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Quarenghi, Canova e Hayez

100 disegni e 100 opere alle Galleria dell'Accademia

F.G. Quarenghi, Porta urbana, prospetto e pianta. Archivio fotografico GAve

Venezia. Giacomo Quarenghi, architetto bergamasco affascinato dal Palladio, dal 1779 lavorò come architetto di corte presso gli zar di Russia Caterina II, Paolo I e Alessandro I. In occasione del bicentenario della morte le Gallerie dell’Accademia valorizzano, attraverso una mostra a cura di Paola Marini, Annalisa Perissa e Valeria Poletto, il proprio fondo grafico, esponendo 100 dei 213 disegni dell’architetto.

In Russia Quarenghi realizzò edifici pubblici, di culto e residenze private dallo stile neoclassico. Tra quanto commissionatogli a San Pietroburgo da Caterina II spiccano la Banca di Stato (1782-90), le residenze estive di Peterhof, Tsarskoe Selo e Pavlovsk. Tra i progetti moscoviti i disegni di una porta urbana (nella foto prospetto e pianta. Archivio fotografico GAve) e il palazzo del principe Bežborodko.

Prorogata inoltre fino all’8 luglio la mostra che con 100 opere selezionate da Fernando Mazzocca, Paola Marini e Roberto De Feo rimanda a un’altra ricorrenza (il bicentenario dell’apertura delle Gallerie) e a tre figure legate alle sue origini, Canova, Hayez e il conte Leopoldo Cicognara, presidente dell’Accademia di Belle Arti, che nel 1817 inaugurò le prime sale delle Gallerie.

Veronica Rodenigo, da Il Giornale dell'Arte numero 386, maggio 2018


Ricerca


Sovracoperta dicembre 2018

GDA dicembre 2018

Vernissage dicembre 2018

Vademecum Intesa Sanpaolo dicembre 2018

Vedere a ...
Vedere in Campania 2018

Vedere in Canton Ticino 2018

Vedere in Sardegna 2018

Vedere a Torino 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012