Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Il Giornale delle Mostre

New York

Frieze coast to coast

Ora sull’East River, dal 2019 anche a Los Angeles

Kapwani Kiwanga, vincitrice del Frieze Artist Award, davanti alla sua opera, visibile all'ingresso della fiera. Foto di Mark Blower. Courtesy Mark Blower/Frieze

New York. L’edizione 2018 di Frieze New York, dal 4 al 6 maggio, si rinnova. A partire dal design della fiera, reimmaginato da Universal Design Studio, e dalla sua struttura concettuale, che prevede nuove sezioni tematiche interamente curate e il debutto di «Live» (sezione dedicata a performance, installazioni e progetti interattivi sparsi per la tensostruttura a Randall’s Island, alle porte di Harlem).

Perciò, se il numero degli espositori quest’anno cala leggermente (190 gallerie rispetto alle 200 del 2017), l’attuale edizione della fiera, diretta da Victoria Siddall e Loring Randolph, è contrassegnata dal ritorno di importanti espositori, quali Tanya Bonakdar, Gavin Brown’s Enterprise, Gagosian, Marian Goodman, Hauser & Wirth, Matthew Marks, David Zwirner e Massimo De Carlo. Tra le esordienti, la newyorkese Essex Street e la losangelina Château Shatto, insieme a nuove gallerie provenienti da Ungheria, Iran e Giappone (rispettivamente Vintage Galéria, Dastan’s Basement e Kaikai Kiki Gallery).

Oltre alle categorie tradizionali (Main Section, in cui figura la milanese Raffaella Cortese con uno stand interamente dedicato a Zoe Leonard, in contemporanea alla retrospettiva dell’artista al Whitney Museum; Focus e Spotlight), in fiera è allestita una nuova sezione a cura di Matthew Higgs concepita come tributo al gallerista americano Hudson (1950-2014), fondatore della storica Feature Inc.: sono esposti i lavori degli artisti lanciati dalla galleria negli anni Ottanta e Novanta, come Tom of Finland, Takashi Murakami e Raymond Pettibon.

Persino il mondo del non profit trova rappresentanza a Frieze New York 2018: Allied Editions raccoglie piccole e medie istituzioni internazionali (fra cui Artists Space, SculptureCenter, Camden Art Centre, ICA, Whitechapel Gallery e Studio Voltaire) che presentano lavori appositamente commissionati ad artisti a prezzi del tutto abbordabili (a partire da 120 dollari).

Ultima novità è il lancio newyorkese del Frieze Artist Award (già presente a Londra), quest’anno conferito a Kapwani Kiwanga, la cui grande installazione open air di metallo industriale e teli agricoli svetta all’ingresso della fiera.

Oltre alle già citate, le italiane presenti sono Cardi, Frutta, Lorcan O’Neill e P420. Frieze intanto annuncia la sua espansione sulla West Coast: dal 14 al 17 febbraio 2019, infatti, lancerà un’edizione a Los Angeles, allestita nei Paramount Pictures Studios. La dirige Bettina Korek, mentre Ali Subotnick curerà la sezione dedicata ai progetti speciali e ai film.

Federico Florian, da Il Giornale dell'Arte numero 386, maggio 2018


Ricerca


GDA marzo 2019

Vernissage marzo 2019

Il Giornale delle Mostre online

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012