Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Sculture in fuga

Roman Signer all'Istituto Svizzero di Roma

Un’«azione» di Roman Signer svoltasi all’Istituto Svizzero nel 1985 © Roman Signer

Roma. Se Jean Tinguely fu il primo a concepire la scultura come oggetto performativo e, in alcuni casi, autodistruttivo, è stato senza dubbio Roman Signer a farne la cifra distintiva del proprio lavoro, portando quest’idea a uno sviluppo successivo.

Austriaco, classe 1938, Signer è l’artista che ha puntato sulla modificazione dell’oggetto scultoreo, una modificazione improvvisa e rapidissima, tanto da poter essere bloccata solo grazie all’utilizzo del mezzo fotografico.

Fino al primo luglio il suo lavoro è visibile all’Istituto Svizzero con una mostra che parte dalle sue prime fotografie in bianco e nero (in gran parte inedite) per arrivare alle sculture e alle fotografie a colori più recenti.

Il titolo della mostra, «Skulptur/Fotografie», contrappone e, allo stesso tempo, giustappone le due tecniche artistiche facendone le due facce della ...
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Silvano Manganaro, da Il Giornale dell'Arte numero 386, maggio 2018


Ricerca


GDA novembre 2019

Vernissage novembre 2019

Il Giornale delle Mostre online novembre 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere a Torino 2019

Vedere in Canton Ticino 2019

Vedere in Emilia Romagna 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012