Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Musei

Dalle rivolte il Beaubourg delle banlieue

Il Mac Val. Foto Pauline Turmel

Vitry-sur-Seine (Francia). L’integrazione è una
delle missioni del Mac Val, il museo d’arte contemporanea del Val-de-Marne che ha aperto le porte nel 2005 alla periferia sud di Parigi (nella foto), a una decina di chilometri dal Centre Pompidou. Il 2005 è un anno che non si dimentica. Fu segnato infatti dai «moti delle banlieue», tre settimane di rivolte, con auto incendiate e guerriglia urbana, in quei quartieri ghetto dove vivono tante famiglie di prima, seconda o terza generazione di immigrati dalle ex colonie francesi, e dove l’emancipazione sociale resta ancora oggi un’utopia.

Il Mac Val è nato subito dopo quei fatti, e dopo vent’anni di incubazione del progetto, su iniziativa del suo visionario ex presidente, Michel Germa, morto nel 2007, con lo scopo di rendere l’arte accessibile a chi non è abituato a visitare i musei. Il «Beaubourg delle banlieue» accoglie ogni anno 80mila visitatori, soprattutto residenti nel Dipartimento. Pochi sono i turisti e i parigini che si avventurano fin qui.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Luana De Micco, da Il Giornale dell'Arte numero 385, aprile 2018


Ricerca


GDA marzo 2019

Vernissage marzo 2019

Il Giornale delle Mostre online

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012