Vecchie cantanti e ceramiche Lenci

Vittorio Bertello |

Milano. Tra il 18, il 19 e il 20 aprile la casa d’aste milanese Il Ponte terrà una vendita miscellanea di antiquariato. A titolo di esempio, un acquamanile tedesco tardo ottocentesco, composto da piatto e versatoio in bronzo e avorio, ha una stima di 12-14mila euro. Un doppio corpo settecentesco veneziano in legno laccato verde, decorato a motivi vegetali e con riquadri dorati, è invece valutato tra 50 e 60mila euro, mentre «Vecchia che canta», un olio su tela di Giacomo Francesco Cipper, il Todeschini, è quotato 32-35 mila euro (nella foto).

In questa asta viene anche dispersa una collezione di 150 ceramiche della manifattura Lenci: da notare, oltre a «La mucca», di Giovanni Grande e «Fidanzati in abiti regionali», di Sandro Vacchetti (entrambi degli anni Trenta), anche «Mamma sirena», del 1933, di Elena König Scavini, la fondatrice della manifattura, con una stima di 1.800-2mila euro. Il 19 e
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Vittorio Bertello