Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Rodin, scolpire la danza

Auguste Rodin, «Mouvement de danse C», 1911 © Agence photographique du Musée Rodin, P Hisbacq

Parigi. La danza è stata spesso fonte di ispirazione per gli artisti e lo fu anche per Auguste Rodin (1840-1917) che, negli ultimi vent’anni della sua vita, al volgere del nuovo secolo, si interessò allo studio dei corpi in movimento e alle pose, spesso estreme, che la danza impone ai ballerini. Si interessò tanto al folklore regionale quanto alle ballerine dei cabaret parigini. Adorò le eleganti danzatrici khmer che arrivarono a Parigi a inizio ’900, quando la Cambogia divenne colonia francese. Figure che ricordano «morbidi fiori, preservati per sempre in un erbario», scrisse a questo proposito Rainer Maria Rilke. Furono sue muse due pioniere della danza moderna come Loïe Fuller e Isadora Duncan.

A questa passione è dedicata la mostra «Rodin e la danza», allestita al Musée Rodin dal 7 aprile al 22 luglio. Il nucleo della mostra è costituito dalle 12 sculture della serie «I movimenti della danza», che l’artista realizzò nel 1911. Si tratta di opere di terracotta e di gesso che catturano la flessibilità dei corpi, mostrando come possono piegarsi e torcersi nell’assumere pose diverse. Per anni Rodin le conservò nel suo atelier, mostrandole solo a pochi intimi, senza mai esporle. La mostra include anche fotografie e una cinquantina di disegni e schizzi preparatori.

Articoli correlati:
Rodin alla greca

Luana De Micco, da Il Giornale dell'Arte numero 385, aprile 2018


Ricerca


GDA giugno 2019

Vernissage giugno 2019

Il Giornale delle Mostre online giugno 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere in Friuli giugno 2019

Vedere a Venezia maggio 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012