Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Il Giornale delle Mostre

Il Vesuvio dà spettacolo in Svizzera

Al m.a.x. di Chiasso incisioni, disegni e foto da Ercolano e Pompei

Anonimo, «Pompei-Casa di Cornelio Rufo», fotografia, sd. Museo Archeologico Nazionale, Napoli

Sono trascorsi 280 anni dalla scoperta di Ercolano, 270 da quella di Pompei: due eventi la cui eco si diffuse nel mondo intero, richiamando in Italia visitatori sempre più numerosi e sempre più illustri. Come si trasmise, però, tale fama planetaria? La mostra «Ercolano e Pompei: visioni di una scoperta» (dal 24 febbraio al 6 maggio, catalogo Silvana), curata per il m.a.x. museo di Chiasso da Pietro G. Guzzo, M. Rosaria Esposito e Nicoletta Ossanna Cavadini, si propone di rispondere a questa domanda, esponendo i documenti più significativi che ne propagarono ovunque la fama.

Si inizia con le lettere dei viaggiatori colti, dal principe Elboeuf a Johann J. Winckelmann, seguite da quelle del conte Caylus e di Goethe, con i commenti sulla conduzione degli scavi. Sarebbe poi stata la volta di Stendhal, di Taine, di Twain e degli artisti, architetti, studiosi che accorrevano qui, attratti dalle notizie che, grazie a quei carteggi (spesso accompagnati da schizzi e appunti visivi) iniziavano a circolare nel mondo della cultura.

I più numerosi, fra i cultori di antichità pompeiane ed ercolanensi, erano gli inglesi, con i casi esemplari di Sir John Soane, fondatore dell’omonimo museo londinese, e di Sir William Hamilton, vulcanologo e collezionista, ambasciatore inglese nel Regno di Napoli, che nel 1766-67 pubblicò i suoi pezzi di scavo in 436 tavole incise, preceduto però, dal 1757, da Carlo VII di Borbone, che commissionò le «Antichità di Ercolano esposte».

A queste si sarebbero aggiunte le incisioni di Giambattista e Francesco Piranesi e di Charles-François Mazois, queste commissionate dalla regina Carolina (sorella di Napoleone e moglie di Murat), cui presto si sarebbero sostituiti i dagherrotipi di Giorgio Sommer e le fotografie degli Alinari, giù fino alle cartoline, destinate a soddisfare un turismo sempre più largo.

Di tali materiali la mostra, che è frutto della collaborazione con il Mann di Napoli (dove si trasferirà da giugno a ottobre) esibisce moltissimi esempi, in un excursus di grande interesse artistico e documentario, che a Napoli sarà arricchito da materiali inediti di scavo.

Ada Masoero, da Il Giornale dell'Arte numero 383, febbraio 2018


Ricerca


GDA ottobre 2019

Vernissage ottobre 2019

Il Giornale delle Mostre online ottobre 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere in Canton Ticino 2019

Vedere in Emilia Romagna 2019

Vedere a Firenze 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012