MUSEO INFINITO 970x90 gif
Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

La Cia ci spia

Edmund Clark all'International Center of Photography di New York

Edmund Clark, «Camp 6, unused communal area», dalla serie «Guantánamo: If the Light Goes Out», 2009. © Edmund Clark

Le misure e i metodi di controllo adottati dai Governi per proteggere i cittadini dalla minaccia terroristica impongono gravose conseguenze alla sicurezza, alla legalità e all’etica. Intorno a questo tema si muove «Edmund Clark. The Day the Music Died», la mostra site specific che l’Icp-International Center of Photography dedica fino al 6 maggio al lavoro del fotografo britannico, dove sono riuniti un centinaio tra fotografie, film, installazioni e documenti, provenienti da progetti realizzati negli ultimi dieci anni.

Impegnato a esplorare le dinamiche invisibili dei conflitti contemporanei e i legami tra politica e rappresentazione, Edmund Clark nella sua opera «si immerge nelle procedure, nei siti e nelle esperienze connesse alla risposta americana al terrorismo internazionale», da Guantánamo, Cuba, all’Afghanistan, dai programmi delle prigioni segrete della Cia alla censura che copre le attività investigative.

Tra ...
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

Chiara Coronelli, da Il Giornale dell'Arte numero 383, febbraio 2018

©RIPRODUZIONE RISERVATA
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012