I colori delle 12 tribù d’Israele

Un'installazione dell'artista israeliana Beverly Barkat al Museo Boncompagni Ludovisi

Edek Osser |

Dall’11 ottobre al 31 dicembre l’artista israeliana Beverly Barkat (Johannesburg, 1966) espone a Roma l’installazione «After the Tribes»: alta 4 metri, dialoga con i colori e le forme degli affreschi scenografici che coprono le pareti del Salone delle Vedute nel Museo Boncompagni Ludovisi che rappresentano alberi e viali del parco.«After the tribes» è una struttura di riquadri in metallo che contiene dodici pannelli rotondi in acrilico di un metro di diametro: ciascuno colorato, con un sapiente lavoro artigianale, in uno stile ispirato all’Espressionismo astratto contemporaneo. Ogni pannello rappresenta una delle dodici tribù dell’antica Israele: ciascun pannello comunica il suo nome e la sua storia attraverso la tradizione cromatica che ha distinte nei secoli le tribù, la stessa che gli antichi Sacerdoti ripetevano nei loro preziosi, lucenti pettorali. «Il loro bagliore, spiega la curatrice della mostra, Giorgia Calò, faceva apparire in rilievo le lettere dei nomi d’Israele» e quei bagliori esercitavano un’energia e un’influenza spirituale.
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Edek Osser