Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie

Giorno per giorno nell'arte | 8 ottobre 2018

La storia di Palmira nei 7 anni di guerra | Columbus Day: Leonardo sostituisce Colombo | Bmw sceglie come testimonial una Gioconda «elettronica» | La giornata in 12 notizie

Il sito di Palmira prima dell'occupazione dell'Isis

Archeologia tra foto e parole. Un reportage di 22 pagine, concepito come un fotoromanzo, racconta la storia di Palmira nei 7 anni di guerra. Una particolare attenzione è riservata alle missioni internazionali destinate al salvataggio del suo patrimonio culturale. [El País Semanal]

Se Leonardo soccorre Colombo
. Quest’anno il Columbus Day, il 12 ottobre, cambia testimonial: dopo i ripetuti attacchi al navigatore italiano, visto come oppressore degli antichi popoli nativi americani, la festa istituita nel 1934 dal presidente Roosevelt e diventata motivo d’orgoglio per gli italiani in Usa sarà dedicata a un altro esempio del genio italico: Leonardo da Vinci. [la Repubblica]

Libri d’artista: nasce la Gitti e Bertelli. Sarà presentata oggi a Milano la nuova casa editrice bresciana Gitti e Bertelli, dedicata ai libri d’artista: tirature limitatissime per i primi titoli, affidati ad autori contemporanei italiani e stranieri. [Corriere della Sera]

Torino capitale d’Egitto. Da oggi per tre giorni studiosi di tutto il mondo arrivano al Museo Egizio di Torino per un workshop internazionale su Deir el-Medina, il villaggio risalente alla XVIII Dinastia dove venivano raccolti i lavoratori all’opera nella Valle dei Re. [La Stampa]

L’arte al servizio del consumismo. Una pagina del «Fatto» presenta «WoW» (Walk on water), il progetto di un gruppo di imprenditori ticinesi intenzionati a realizzare sul versante svizzero del Lago Maggiore una passerella che ricorda i «Floating Piers» realizzati da Christo sul Lago d’Iseo nel 2016. Sulla passerella ticinese verrebbero installati punti di ristoro e negozi. [il Fatto Quotidiano]

Attenzione, attraversamento migranti! Salvatore Settis analizza un’opera statunitense di Banksy che ha fatto parecchio discutere: il cartello stradale, commissionato dallo Stato della California, che avverte gli automobilisti del pericolo di investire i migranti messicani intenti ad attraversare l’autostrada che scorre proprio vicino al confine. [il Fatto Quotidiano]

Filantropia senza arte. John Arlidge risponde al direttore del Victoria & Albert Museum di Londra, che nei giorni scorsi aveva lamentato la difficoltà di reperire fondi per la cultura presso i giovani miliardari americani della Silicon Valley. Il loro disinteresse per l’arte non significa automaticamente mancanza di filantropia: molti di loro infatti sono convinti di aver già migliorato le sorti del mondo grazie ai loro innovativi prodotti tecnologici. [The Sunday Times]

Bmw dà voce alla Gioconda. Per pubblicizzare a Parigi il suo nuovo assistente personale alla guida, la casa automobilistica tedesca Bmw ha scelto una testimonial d’eccezione: la «Gioconda», o meglio una sua versione elettronica, un quadro animato in grado di parlare e interagire con i passanti. [Il Giornale]

Salomon premiato in Italia. Il capo curatore della Frick Collection di New York, Xavier Salomon, riceverà dopodomani a Villa della Torre in Fumane (Verona) il premio Allegrini 2018 «L’arte di mostrare l’arte» per il suo allestimento a Manhattan della mostra «Il George Washington di Canova», da poco conclusa. [Corriere della Sera]

Verdú celebra la pittura. Il settimanale del «País» dedica un lungo servizio al pittore e scrittore spagnolo Vicente Verdú, scomparso lo scorso 21 agosto, con molte immagini di sue opere e anticipazioni del suo libro Celebrazione della pittura, di prossima uscita. [El País Semanal]

Le gallerie ormai sono roba da antiquariato. In Italia come in tutto il mondo il mercato dell’arte contemporanea non conosce crisi, ma se le case d’asta continuano a fatturare in positivo, le piattaforme di vendita online stanno mettendo in difficoltà le gallerie, tradizionali intermediatori tra l’artista e il collezionista. [La Stampa]

Novara, riemergono affreschi del ’500. Sono terminati presso la chiesa cinquecentesca di San Martino a Novara i lavori di restauro, diretti da Anna Rossaro, grazie ai quali sono tornati alla luce gli antichi e coloratissimi affreschi che in passato diedero alla chiesa una notorietà pari a quella del Duomo. [La Stampa]

Redazione, edizione online, 8 ottobre 2018


Ricerca


Sovracoperta dicembre 2018

GDA dicembre 2018

Vernissage dicembre 2018

Vademecum Intesa Sanpaolo dicembre 2018

Vedere a ...
Vedere in Campania 2018

Vedere in Canton Ticino 2018

Vedere in Sardegna 2018

Vedere a Torino 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012