Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie

Giorno per giorno nell'arte | 6 ottobre 2018

L'ultimo tesoro di Pompei è un giardino incantato | Macron e la restituzione di opere all'Africa | Si sblocca il Museo delle Collezioni Reali di Madrid | La giornata in 14 notizie

Foto di Ciro Fusco tratta dal sito del Parco archeologico di Pompei

La casa del giardino incantato di Pompei. Un grande larario, l’edicola al centro del giardino delle case romane dove si pregavano i« lari», gli spiriti protettori della casa e della famiglia, è riemerso pressoché integro a ridosso della Porta Vesuvio nella Regio V di Pompei, durante i lavori di manutenzione e consolidamento dei fronti di scavo previsti dal Grande progetto Pompei. Gli affreschi sepolti per duemila anni raffigurano uccellini cinguettanti, serpenti beneauguranti, un pavone, fiere dorate che si battono con un cinghiale nero, un pozzo, una vasca colorata, un uomo con testa di cane. «Straordinario ritrovamento di una stanza meravigliosa ed enigmatica da studiare a fondo» ha dichiarato Massimo Osanna, direttore generale del Parco archeologico di Pompei «un intervento in una delle aree più a rischio del sito mai trattata complessivamente fino ad ora». La galleria fotografica dell'Ansa

Nuove discussioni sulla restituzione di opere. Una grande statua africana raffigurante un uomo con il torso e la testa di squalo, saccheggiata dal generale Dodds tra il 1892 e il 1894 ed esposta assieme ad altre opere con la medesima provenienza al Musée du quai Branly di Parigi, sta diventando l'emblema della battaglia intorno alla restituzione delle opere provenienti dalle ex colonie africane, caldeggiata dal presidente Emmanuel Macron e osteggiata dai mercanti d'arte. [Le Figaro]

Francia, pochi cambiamenti per la legge sui mecenati. Nell'ambito del dibattito parlamentare che mette al centro la legge sul patronato e le fondazioni del primo agosto 2003, l'ex ministro della Cultura Jean-Jacques Aillagon promette «ritocchi prudenti». [Le Monde]

Il caso Bouchain. «Le Monde» dedica una pagina al 73enne architetto Patrick Bouchain, pioniere della trasformazione degli spazi industriali in luoghi culturali, che il prossimo 15 ottobre inaugurerà un suo progetto sperimentale a Saumur. Come mai nel giro di due giorni il suo nome è scomparso dalla lista dei sette principali contendenti del Gran premio nazionale della cultura 2018? [Le Monde]

Camminare sulle lapidi offende i defunti. Gli abitanti di Clophill, nella contea di Bedford, in Inghilterra, criticano la Fondazione Clophill Heritage per il progetto «Percorso della poesia della pace», che ha comportato lo spostamento dal cimitero della chiesa di St. Mary di lapidi degli anni '60 per realizzare l'installazione artistica. Un gesto, secondo gli abitanti del luogo, troppo irrispettoso nei confronti dei defunti. [The Daily Telegraph; The Times]

Il Guggenheim restituisce un Kirchner. La restituzione da parte del Museo Guggenheim di un'opera di Ernst Ludwig Kirchner agli eredi del noto mercante ebreo Alfred Flechtheim potrebbe avere conseguenze importanti per analoghi casi che coinvolgono musei tedeschi. [Frankfurter AZ]

Arte e politica dopo Documenta 14. La controversia su «Ero forestiero e mi avete ospitato» l'obelisco di 16 metri realizzato dall'artista americano Olu Oguibe ed esposto a Kassel in occasione dell'edizione 2018 di «Documenta», è stata una lezione su come l'arte possa facilmente entrare sotto le ruote del populismo. Ma quanto sia stata utile tale lezione lo si vedrà al momento delle nuove proposte per la futura ubicazione dell'opera. [Frankfurter AZ]

Riparte l'allestimento del Museo delle Collezioni Reali. Grazie all'intervento del National Heritage spagnolo si sblocca la situazione al Museo delle Collezioni Reali, l'edificio progettato da Emilio Tuñón e Luis Moreno Mansilla che sorge accanto alla Cattedrale dell'Almudena a Madrid. Il concorso per la museografia del nuovo centro, lanciato nel 2017, è già stato annullato quattro volte di seguito, ma ora pare che tutto sarà pronto entro il 2020. [El Pais]

Il Re con due tombe. Un servizio del «Pais» racconta la strana vicenda di Re Bermudo III, che ha portato il sovrano ad avere due tombe, distanti 250 chilometri fra loro, con gli esperti che ancora discutono su quale sia il sepolcro ufficiale del monarca. [El Pais]

Festeggiano due volte i libri a Torino. La Regione Piemonte ha ufficializzato la nomina del 56enne Giulio Biino, già presidente dell'ordine dei notai, a nuovo presidente del Circolo dei Lettori di Torino. I più diffusi quotidiani lo intervistano chiedendogli della sua costante passione per i libri ma sopratutto sul futuro del Salone. E intanto in città nel weekend prende il via la tradizionale iniziativa dei «Portici di carta». [La Stampa]

L'autore senza opera. Secondo Francesco Bonami il diffondersi di mostre virtuali, dove è possibile vedere tutto quello che c'è da vedere e capire tutto quello che c'è da capire su un artista senza mai trovarsi davvero davanti a una sua opera, è una «moda perversa che si avvicina pericolosamente al confine dove lo spettacolo diventa trucco da luna park». [La Repubblica]

Torino nacque in una fredda mattina d'inverno. Uno studio multidisciplinare tra archeologia e astrofisica, basandosi su documenti dell'epoca e calcoli astronomici, fornisce una nuova data di nascita per la città di Torino, che sarebbe stata fondata da Ottaviano Augusto il 30 gennaio del 9 a.C. alle 7.45 del mattino. [La Stampa]

La suora apprezzata dal Vasari. Anche a causa dei materiali poveri con i quali è stato realizzato, necessita di urgenti restauri il capolavoro di suor Plautilla, la religiosa del Cinquecento che, chiusa in un convento, da autodidatta e senza modelli in carne e ossa, fu la prima donna a dipingere un'«Ultima cena». [Io Donna]

Settembre is the new agosto. Secondo i più recenti calcoli di Confturismo è settembre il mese preferito per le vacanze, grazie a clima ancora caldo e prezzi bassi. Il fenomeno riguarda sia le località montane e balneari che i fine settimana nelle città d'arte. [Il Messaggero]

Redazione, edizione online, 6 ottobre 2018


Ricerca


Sovracoperta dicembre 2018

GDA dicembre 2018

Vernissage dicembre 2018

Vademecum Intesa Sanpaolo dicembre 2018

Vedere a ...
Vedere in Campania 2018

Vedere in Canton Ticino 2018

Vedere in Sardegna 2018

Vedere a Torino 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012