Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie

Giorno per giorno nell'arte | 5 ottobre 2018

Arte italiana all'asta di arte contemporanea di Sotheby's | Scoperto il più grande larario di Pompei | La maggior donazione di un privato agli Uffizi

«Concetto spaziale» di Lucio Fontana del 1964 (stima 2,4-3 milioni di sterline). © Sotheby’s

Arte italiana a Londra/2. Dei 41 lotti dell’asta londinese serale di Sotheby’s di arte contemporanea di questa sera (5 ottobre), 10 sono di artisti italiani: quest’anno, infatti, Sotheby’s ha integrato le opere di arte italiana nell’asta serale «generalista» interrompendo così la sua serie delle Italian Sales, che durava dal 1999. L’importanza dell’arte italiana emerge dal fatto che la palma dell’opera più cara di tutto il catalogo se la contendono due «Concetti spaziali» di Lucio Fontana: uno del 1965-66 (quattro tagli rosso, 81,9x65 cm) e uno del 1964 (dieci tagli bianco, 60,3x81,5 cm). Per entrambi, le stime sono comprese tra 2,4 e 3 milioni di sterline. Tra gli altri pezzi forti, «Ononimo», del 1973, di Alighiero Boetti (biro su cartoncino, in 11 parti, ciascuna 70x100 cm), parte da 1-1,5 milioni di sterline. Enrico Castellani, infine, è rappresentato da «Troika», del 1971, tela estroflessa di 140x212 cm, quotata 900mila-1,2 milioni di sterline. [Vittorio Bertello - Il Giornale dell’Arte]

Scoperto il più grande larario di Pompei. In un servizio esclusivo online, l’agenzia Ansa pubblica foto e video dell’ultima scoperta nell’area archeologica di Pompei. Si tratta del più ampio larario finora scoperto nel complesso campano. È una stanza affrescata con un grande altare per il culto dei Lari, una coppia di serpenti (figure di buon augurio), un pavone tra i cespugli, alcune figure di fiere in lotta con un cinghiale. Su un’arula gli archeologi hanno rinvenuto i resti delle offerte bruciate poco prima dell’eruzione. L’ambiente fa parte di una residenza, evidentemente molto ricca, di cui si sta proseguendo lo scavo. [Ansa]

Sotheby’s accusata di frode. Il miliardario russo Dimitry Rybolovlev, magnate nel settore dei fertilizzanti e che è noto al mondo dell’arte per essere il venditore del «Salvator Mundi» di Leonardo da Vinci alla cifra record di 450 milioni di dollari, fa ora causa alla casa d’aste Sotheby’s per aver cospirato con il suo ex consulente d’arte Yves Bouvier durante la vendita di altre 38 opere della sua collezione. L’uomo chiede ai giudici più di 290 milioni di sterline di danni. [The Times; The Daily Telegraph; The Art Newspaper]

La statua della discordia. La città giapponese di Osaka interrompe dopo 60 anni il gemellaggio con San Francisco, a causa di una statua, eretta nel quartiere cinese con l’approvazione delle autorità cittadine statunitensi, che simboleggia le «donne di piacere» del periodo tra le due guerre mondiali. Secondo il sindaco della città nipponica, il monumento manca di accuratezza storica. [The Guardian; Corriere della Sera; Il Giornale]

Stoccarda alle prese con i topi di biblioteca. Allarme alla Biblioteca universitaria di Stoccarda, invasa dai ratti che hanno danneggiato in modo irreparabile quasi 8mila volumi degli anni ’60 e’70, per un valore complessivo di 200mila euro. Fortunatamente i roditori non hanno raggiunto la zona in cui sono custoditi preziosi disegni del XVIII secolo. [Frankfurter AZ]

Hirst al lavoro per il suo nuovo studio. Il nuovo quartier generale di Damien Hirst a Londra, realizzato in un’ex stazione della polizia di Soho, tra acquisto e ristrutturazione è costato all’artista 40 milioni di sterline. L’inaugurazione è prevista per l’inizio del 2019. [The Times]

Paola Marini dimissionata dal Mibact. A un anno e due mesi dalla scadenza naturale del suo mandato Paola Marini, direttrice delle Gallerie dell’Accademia, ha ricevuto dal Ministero la lettera per le sue dimissioni, per raggiunti limiti d’età. Aveva compiuto 66 anni lo scorso marzo. «Ancora pochi giorni», si rammarica Paola Marini: neppure il tempo di un adeguato passaggio di consegne. Questo proprio nell’anno che ha registrato il grande successo della mostra «Canova Hayez Cicognara. L’ultima gloria di Venezia», chiusasi il 2 aprile, e di «Tintoretto giovane» attualmente in corso (fino al 6 gennaio). [Lidia Panzeri - Il Giornale dell’Arte]

La maggior donazione di un privato agli Uffizi. La mecenate americana Veronica Atkins, membro dei Friends of the Uffizi, ha donato oltre 1 milione di dollari per il restauro della sala di Bona, anticamera della Sala Bianca (o degli Stucchi), interamente affrescata e decorata da Bernardino Poccetti (1548-1612), con scene della presa della città di Bona in Tunisia da parte dei cavalieri di Santo Stefano nel 1607 e della battaglia di Nicopoli nel 1396 tra il contingente dell’Impero ottomano e uno schieramento di forze franco-ungheresi. Per il restauro dell’ambiente, che sarà affidato all’Opificio delle Pietre Dure, sono previsti due anni. [Ansa]

Il Giudizio universale di Kandinskij. Andrà in asta da Sotheby’s a New York il prossimo 12 novembre con la quotazione di 22-35 milioni di dollari la tela di Vasilij Kandinskij «Zum Thema jüngsten Gericht» («Sul tema del Giudizio universale»). [The Daily Telegraph]

L’Italia dellarte in ambasciata. Porte aperte in 24 musei e altri mille luoghi tra gallerie e spazi espositivi per la quattordicesima edizione della «Giornata del contemporaneo», in programma il prossimo 13 ottobre. Tra le novità di quest’anno c’è l’apertura all’estero, con l’aggiunta fra le sedi espositive di ben 60 fra ambasciate, consolati e Istituti italiani di cultura in Paesi stranieri. [Il Venerdì di Repubblica]

Lavorare allestero è più facile. Massimiliano e Doriana Fuksas raccontano in un’intervista il loro restyling luminoso e avveniristico del Beverly Center di Los Angeles, grazie al quale l’edificio è diventato il centro commerciale più famoso della metropoli californiana. [Il Venerdì di Repubblica]

C’è un tesoro di carta nel bunker dei papi.
Una pagina de «Il Messaggero » presenta le carte più segrete dell’archivio Vaticano, dove vengono custodite pagine di eccezionale valore legate alla storia della Chiesa e dei grandi personaggi che l’hanno animata, da Galileo a Enrico VIII. [Il Messaggero]

Dalla Sardegna al mondo intero.
Luca Beatrice ricorda Maria Lai, talento tardivo che partendo dalle antiche espressioni della sua cultura d’origine seppe arrivare fino all’arte contemporanea. A cinque anni dalla morte le sue opere stanno conquistando il mercato, anche internazionale. [Il Giornale]

Brindisi da Wannenes. La casa d’aste genovese Wannenes ha inaugurato lo scorso mese il nuovo dipartimento di «Wine & Spirits», diretto dallo scrittore, giornalista e produttore vinicolo Gelasio Gaetani d’Aragona. L’ad della società di vendite, Guido Wannenes, sottolinea «un’offerta sempre più ampia, competente e cosmopolita che abbraccia tutti gli aspetti del piacere collezionistico».

Quando larte incontra la tecnologia. La creatrice e direttrice artistica dell’evento, María Elena Gutiérrez, ha presentato ieri alle Ogr di Torino la rassegna «View», dedicata alle tecnologie visive e alle loro relazioni con l’arte, il cinema, l’animazione e il videogame. Tra i protagonisti la pellicola «Loving Vincent», in cui attraverso le animazioni le tele di Van Gogh hanno preso vita. [Corriere della Sera; La Stampa]

Redazione, edizione online, 5 ottobre 2018


Ricerca


Sovracoperta dicembre 2018

GDA dicembre 2018

Vernissage dicembre 2018

Vademecum Intesa Sanpaolo dicembre 2018

Vedere a ...
Vedere in Campania 2018

Vedere in Canton Ticino 2018

Vedere in Sardegna 2018

Vedere a Torino 2018

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012