Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Il Giornale delle Mostre | Londra

Schifano, luce d'agosto

I suoi folgoranti monocromi in mostra a Londra da M&L Fine Art

«Solare» (1961) di Mario Schifano. Courtesy M&L Fine Art, Londra

«Mario dipingeva i suoi primi monocromi in questo modo: prima faceva alcuni studi, qualche schizzo su carta. Provava e riprovava diverse combinazioni con scritte e colori diversi (...). Era un lavoro molto pensato, molto concettuale». Uno di quegli studi ricordati dallo scultore Giuseppe Uncini nella biografia di Mario Schifano (1934-88) curata da Luca Ronchi (edizioni Johan & Levi) servì al pittore come tappa di avvicinamento a un capolavoro, «7 agosto 1961».

Cinque mesi prima Schifano era stato protagonista di un esordio folgorante alla galleria la Tartaruga di Plinio De Martiis: «La sua prima personale fu tutta di monocromi, ricordava il gallerista in una testimonianza pubblicata nella citata biografia. Durante l’allestimento Mario venne a vedere, a controllare di persona (...). Credo che quella sia stata l’unica volta in cui l’ho visto preoccupato e pensieroso. Il giorno stesso dell’inaugurazione avevo già venduto tutto. Subito dopo Mario si comprò una macchina, mi pare una MG bianca, e andò a sbattere. Non aveva neanche la patente». «7 agosto 1961», insieme al suo studio, è ora il pezzo forte della monografica che M&L Fine Art, la galleria londinese di Matteo Lampertico e Luca Gracis, dedica dal 2 ottobre al 23 novembre ai «Monocromi» di Schifano, commentati in catalogo da Laura Cherubini.

All’inizio degli anni Sessanta l’Informale è al tramonto; già nel 1953, a New York, il giovane Robert Rauschenberg, tra omaggio e iconoclastia, aveva cancellato un disegno di Willem de Kooning facendolo diventare un’opera sua. Il foglio ora un po’ ingiallito è un monocromo un po’ tormentato, si direbbe «pittorico», perché il gesto degli espressionisti astratti aveva lasciato un segno profondo. Stava per nascere una nuova generazione, quella dei New Dada, e in Europa dei Nouveaux Réalistes, preludio alla Pop art. Ma le fasi di transizione, nella storia dell’arte (e non solo) producono estasi e tormenti. O autentici gioielli, nei quali permane qualcosa di ciò che era appena stato e si affaccia ciò che sarà.

Questa è la temperie in cui nascono le cinque opere ora in mostra a Londra; opere che proietteranno Schifano, all’epoca ventisettenne, su un palcoscenico internazionale, poiché i monocromi saranno un vero colpo di fulmine per Ileana Sonnabend, che li esporrà nella sua galleria a Parigi. Permaneva, incancellabile, in quelle stesure gialle, verdi, rosse e nere un’«idea» fortissima di pittura, quella di uno degli ultimi grandi pittori italiani. «È come se tu avessi voluto fare un’ala di aeroplano», gli disse il poeta e critico Emilio Villa. E Schifano prese il volo.

Franco Fanelli, da Il Giornale dell'Arte numero 390, ottobre 2018


Ricerca


GDA ottobre 2019

Vernissage ottobre 2019

Il Giornale delle Mostre online ottobre 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere in Canton Ticino 2019

Vedere in Emilia Romagna 2019

Vedere a Firenze 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012