Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Archeologia

Pompei, i tesori della Casa del Bracciale d'oro in mostra nell'Antiquarium

Il ninfeo della Casa del Bracciale d'oro

Pompei (Na). Nelle due sale dell’Antiquarium di Pompei che sino a qualche settimana fa hanno ospitato una sezione della rassegna su Picasso, ha aperto i battenti e resterà visitabile sino al 31 marzo la mostra «Tesori sotto i lapilli, arredi, affreschi e gioielli dall’Insula Occidentalis». Un’armilla d’oro massiccio del peso di 610 grammi è l'emblema del gusto, della bellezza e del piacere di vivere della classe agiata pompeiana nel I secolo d.C. «Obiettivo della mostra, sottolinea il direttore del Parco Archeologico, Massimo Osanna, è quello di offrire ai visitatori di Pompei la possibilità di ammirare alcuni dei ricchi arredi e una selezione delle pitture parietali trovate in una delle più famose case dell’Insula Occidentalis», quartiere all’estremità occidentale della città antica: la Casa del Bracciale d’oro, appunto, così detta per il gioiello serpentiforme trovato ancora attaccato al braccio della matrona che lo indossava allorché i gas velenosi eruttati dal Vesuvio la uccisero assieme a un uomo e a un fanciullo. Un quarto bambino trovato con loro pare non facesse parte della famiglia.
Quei resti, rinvenuti durante lo scavo dell’edificio (attualmente in restauro e non visitabile) e dei quali vennero ricavati i calchi in gesso, costituiranno un altro pezzo forte dell’esposizione insieme al tesoretto di monete, composto da 40 aurei e 175 pezzi in argento, ritrovato in una cassettina di legno e bronzo.

Ancora, è esposto il ninfeo monumentale, rivestito di mosaici policromi in pasta vitrea, conchiglie e schiuma di lava. Oltre ad affreschi come quello delle nozze di Alessandro e Rossane e Arianna e Dioniso a Nasso.

Il bracciale d’oro, attualmente al Mann di Napoli, ha anche un’altra particolarità: tra le fauci delle serpi (gli occhi sono di pietre preziose) c’è un disco d’oro sul quale, a rilievo, il maestro orafo rappresentò il busto di Selene (la dea che rappresenta la luna) che solleva le braccia per sostenere un velo; al di sopra del busto, sono il crescente lunare e sette stelle.

Carlo Avvisati, edizione online, 13 settembre 2017


  • Il braccial d'oro rinvenuto in una domus dell'Insula Occidentalis di Pomepi

Ricerca


GDA marzo 2019

Vernissage marzo 2019

Il Giornale delle Mostre online

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012