GDA415 IN EDICOLA
Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

L'ultima cavalcata di Umberto Boccioni

Nella notte tra il 16 e il 17 agosto di cento anni fa moriva nell'ospedale di Verona, dove era stato ricoverato per una caduta da cavallo, il pittore e scultore futurista

illa Pullè a Chievo, sede all'epoca dell'Ospedale Militare dove Boccioni morì alle prime luci dell'alba del 17 agosto 1916

16 agosto 1916. Ore 20.00 circa.
Esattamente cento anni fa, tra la notte del 16 e le prime luci dell’alba del 17 agosto del 1916, si spegneva all’Ospedale militare di Verona, a causa delle conseguenze di un’accidentale caduta da cavallo, la vita di Umberto Boccioni, pittore e scultore futurista, tra i maggiori artisti italiani del Novecento.
Dopo aver partecipato da volontario nel corso del 1915 alla prima guerra mondiale, arruolandosi nel Battaglione ciclisti di Gallarate e combattendo sul fronte alpino insieme con i suoi compagni dell’avventura futurista Marinetti, Sironi, Sant’Elia, Boccioni era stato richiamato sotto le armi il 24 luglio 1916 e, dal momento che risultava essere ancora residente a Padova dove a lungo aveva vissuto in gioventù, fu affidato a un distretto veneto, e precisamente al XXIX Reggimento di Artiglieria da Campagna, stanziato a Sorte di Chievo, borgo nei pressi di Verona.

Boccioni, che aveva da poco realizzato una delle sue commissioni più importanti, il ritratto ...

Alberto Dambruoso, edizione online, 16 agosto 2016

©RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Cippo commemorativo posto nel 1931 sul luogo dove Boccioni venne disarcionato dal cavallo
  • Umberto Boccioni
GDA415GDA 415 GDMostre
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012