Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Archeologia

Verona, riaperto il Museo Archeologico al Teatro Romano

Museo Archeologico di Verona, Erma in marmo raffigurante un Satiro giovane

Verona. «L’Egitto a Verona» è la mostra che ha inaugurato il 28 maggio (fino a settembre) la riapertura del Museo Archeologico al Teatro Romano dopo i lavori di riqualificazione, presentando materiali relativi al mondo egizio che erano stati esposti nel museo solo nel 1999-2000. Il progetto «EgittoVeneto», promosso dalla Regione con le Università di Padova
e Venezia, è collegato alla ripresa dell’attività didattica che da sempre ha contraddistinto il museo prima della chiusura nel 2013. Gli oggetti egizi, che provengono da varie collezioni prevalentemente dedicate al mondo classico, sono circa un centinaio e privi di provenienza puntuale ma permettono lo sviluppo di tematiche inedite. Curata da Margherita Bolla (curatrice del museo dal 1994 e autrice del volume appena edito da Cierre Edizioni Il teatro romano di Verona in collaborazione con i Musei Civici), la mostra è suddivisa in cinque sezioni: «Il culto e la magia», «La vita oltre la morte», «Le civiltà africane e Roma», «Egittomania» e, da ultima, «Un veronese in Egitto», dedicata a Carlo Anti (1889-1961) con lo studio dei materiali romani del museo, con particolare interesse per le lucerne.

La riqualificazione dell’ex convento dei Gesuati, sede del museo da circa un secolo, ha permesso di usufruire di nuovi spazi coperti arrivando a esporre oltre 600 manufatti. La spesa per il progetto è stata di poco inferiore ai 5 milioni di euro coperti da un contributo regionale di 3.499.860 euro, mentre Fondazione Cariverona si è fatta carico della maggior parte dei costi restanti (1.199.940,00 euro) e 300mila euro sono stati erogati dal Comune. Quest’ultimo ha elaborato il programma museologico dell’intervento che porta la firma dello Studio Grisdainese di Padova, coordinato tutte le procedure, compresa la direzione lavori, e fornito il progetto scientifico per l’allestimento.
L’elemento paesaggistico è una componente fondamentale della visita, essendo il convento-museo a picco sopra il Teatro Romano.

Il percorso inizia al piano superiore con l’introduzione alla Verona romana e ai monumenti della città. Nelle cavità praticate dai monaci nella roccia del colle San Pietro, cui il museo è addossato, sono state collocate alcune sculture. Conclude il percorso al piano superiore una sezione dedicata al santuario dove erano venerate divinità egizie, situato nella zona del complesso teatrale. Attraverso una scala si raggiunge il piano principale del convento, con la scultura che ornava i luoghi pubblici della città; si prosegue con l’esposizione di sculture appartenenti alle raccolte pervenute al Comune
(il museo possiede una raccolta di bronzi fra le maggiori nell’Italia settentrionale). Nel chiostro sono visibili iscrizioni e stele, nella chiesa del convento la sezione dedicata ai mosaici e sulla Grande Terrazza (riaperta nel 2002) invece, lapidi funerarie ed elementi architettonici.

Per festeggiare la riapertura, fino al 30 giugno il biglietto d'ingresso al Museo costerà 1 euro.

Daniela Vartolo , edizione online, 30 maggio 2016


  • L’ex refettorio che ospita il mosaico e la scultura romana
  • Alcuni dei materiali esposti nella mostra «L'Egitto a Verona»
  • Teatro Romano e Museo Archeologico di Verona. Cavea del teatro romano (I secolo a.C. – I secolo d.C) con il quattrocentesco convento dei Gesuati, sede del Museo Archeologico

Ricerca


GDA luglio/agosto 2019

Vernissage luglio/agosto 2019

Il Giornale delle Mostre online luglio/agosto 2019

Ministero luglio 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere in Calabria 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Vedere in Trentino luglio 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012