Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

La memoria del terremoto

Quarant'anni fa il sisma in Friuli Venezia Giulia. Una mostra a Villa Manin di Passariano ripercorre i momenti tragici dell’emergenza, ma anche quelli della solidarietà e del dono, dei restauri e della ricostruzione

Pomponio Amalteo 			Sibilla Cumana  © Archivio Istituto regionale per il Patrimonio Culturale del Friuli Venezia Giulia

Passariano di Codroipo (Udine). Nel contesto delle numerose iniziative dedicate al quarantennale del terremoto del 1976 in Friuli Venezia Giulia non poteva mancare una riflessione che toccasse l’ambito delle opere d’arte e dei beni culturali.
Il 23 aprile inaugura infatti la mostra «Memorie. Arte immagini e parole del terremoto in Friuli», che rimarrà aperta fino al 3 luglio negli spazi dogali di Villa Manin di Passariano.

Una mostra nata dalla stretta collaborazione tra la Soprintendenza alle Belle arti e al paesaggio e la Regione FVG costruita attorno a un'articolata elaborazione del tema della memoria, che in relazione al patrimonio culturale si traduce in termini di ricostruzione e di restauro. Cento i miliardi di lire investiti (grazie all’articolo 8 della legge regionale del 20 giugno 1977 numero 30) e millecinquecento interventi di ricostruzione o restauro, dal Duomo di Venzone, ripristinato filologicamente pietra su pietra, al Castello di Colloredo di Montalbano, che ha ottenuto l’ultima tranche di finanziamenti per il suo completamento definitivo.

La mostra, curata da Antonio Giusa e dal nuovo soprintendente Corrado Azzollini, è allestita negli spazi di Villa Manin ed è articolata su sette livelli di lettura, seguendo i diversi tipi di memoria, da quella dell’evento tragico a quella del restauro, a quella della solidarietà e del dono. Sono allestiti nel percorso espositivo dai documenti visivi e immateriali alle opere d’arte antica e contemporanea, in un viaggio dalla memoria tragica dell’evento (riletta attraverso documentari e servizi giornalistici dell’epoca tratti dagli archivi della Rai passando per la medaglistica e la collezione Friam fino ad arrivare all’interpretazione di un gruppo di giovani artisti) con dieci nomi under 30 scelti da Andrea Bruciati.

Cuore simbolico della mostra sono però i trentasei lacunari del Pomponio Amalteo che decoravano il soffitto della distrutta chiesa di San Giovanni Battista di Gemona del Friuli, esposti al pubblico per la prima volta dopo quarant’anni di vita in un caveau. Santi, profeti e sibille che costituiscono ciò che sopravvive di un soffitto di 90 metri quadrati che è oggetto di un vivace dibattito sulla sua ricollocazione e fruibilità in altre due chiese di Gemona.

Melania Lunazzi, edizione online, 18 aprile 2016


  • Archivio Colloredo-Mels, XV-XIX secolo, esemplari di documenti amministrativi, Archivio di Stato di Udine, fondo Colloredo Mels
  • Madonna, secolo XIV, dall’avancorpo del transetto nord del Duomo di Venzone dopo l'incollaggio. Parrocchia della Pieve di Sant’Andrea a Venzone
  • Madonna (con base Testa virile), secolo XIV. Scultura in pietra locale prevalentemente calcarea 			Dall’avancorpo del transetto nord del Duomo di Venzone, Parrocchia della Pieve di Sant’Andrea a Venzone
  • Duomo di Venzone, 1976
  • Opere provvisionali realizzate nel Duomo di Spilimbergo dopo il 6 maggio 1976. © Archivio Soprintendenza Belle arti e paesaggio del Friuli Venezia Giulia
  • Pomponio Amalteo, Soffitto Amalteo, © Archivio Istituto regionale per il Patrimonio Culturale del Friuli Venezia Giulia

Ricerca


GDA settembre 2019

Vernissage settembre 2019

Il Giornale delle Mostre online settembre 2019

Ministero settembre 2019

Guida alla Biennale di Firenze settembre 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere a Firenze 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012