Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Notizie

Addio a Claudio Bonichi

Claudio Bonichi, «Nudo»

Roma. Se ne è andato il 30 marzo, nella sua casa romana, Claudio Bonichi. Nato a Novi Ligure (Alessandria) nel 1943, l’artista, uno dei più sensibili protagonisti della «Nuova Metafisica» (Maurizio Fagiolo dell’Arco, in un testo a lui dedicato nel 1990 evocava de Chirico, che sosteneva che la maschera e il travestimento fossero la porta aperta sulla trasgressione e sulla possibilità di vivere la vita di un altro), veniva da una famiglia di artisti (il nonno materno, Eso Peluzzi, viveva a Monchiero, il paesino delle Langhe dove Claudio si rifugiava; lo zio, Gino Bonichi, più noto come Scipione) che continua dopo di lui: Benedetta, la figlia, è pittrice.

Bonichi ha esposto in Italia e all’estero in importanti mostre personali e di gruppo e ha avuto come estimatori, tra gli altri, Luigi Carluccio e Raffaele Carrieri. Due sono i motivi da lui indagati: le nature morte, offerte votive teatralmente disposte con i petali rinsecchiti dei fiori, i frutti colti e dimenticati, gli insetti morti accanto al baluardo di una vita ormai fattosi reliquia (magistrale rappresentazione del naufragio nel tempo che se ne va e trapassa) e i nudi di donne, che lasciano intravedere le forme del loro corpo ma contemporaneamente a noi si sottraggono, celando il loro volto o rivelandocelo solo parzialmente attraverso uno specchio che tengono davanti a sé.

Sandro Parmiggiani, edizione online, 4 aprile 2016


  • Claudio Bonichi in una fotografia tratta dal suo profilo Facebook

GDA411 OTTOBRE 2020

GDA411 OTTOBRE 2020 VERNISSAGE

GDA411 OTTOBRE 2020 GDECONOMIA

GDA411 OTTOBRE 2020 GDMOSTRE

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012