Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

Moi, Camille Claudel

Uno spettacolo teatrale, una tavola rotonda, un libro di prossima uscita sulla tormentata scultrice francese

Camille Claudel, «L’Âge mûr» (versione del 1898)

Milano. Quando Camille Claudel (1864-1943) inizia a modellare con la creta, l’argilla, materiali facilmente reperibili nella sua terra natale, «un piccolo villaggio nel dipartimento dell’Aisne», è ancora una ragazzina. Il padre, il solo in famiglia che ne intuisce e poi sostiene la vocazione, fa trasferire la famiglia a Parigi per consentirle di frequentare i corsi dell’Accademia Colarossi. Il suo primo maestro Alfred Boucher informa Rodin del talento della giovane. E da quel momento (intorno al 1883-84) Camille entra nell’atelier Rodin, diventandone subito una delle collaboratrici più esperte.
Tra il maestro e l’allieva, dotata di singolare bellezza, più giovane di lui di ventiquattro anni, scoppia un coup de foudre artistico e sentimentale (ma non al punto, per Rodin, da decidere di troncare la sua relazione con Rose Beuret, dalla quale ha avuto un figlio). La liaison, pericolosa soprattutto per lei, non tarda ad uscire allo scoperto; dopo diversi anni Camille, stanca di essere identificata come «la bonne amie» dello scultore, si separa definitivamente da lui.

Chiara Pasetti, edizione online, 9 marzo 2016

©RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Camille Claudel in una foto di César del 1884 ca
  • Camille Claudel, «La Valse» (seconda versione, 1905)
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012