GDA415 IN EDICOLA
Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

Il buon occhio di Elton John

La sua collezione di fotografie moderniste in mostra alla Tate Modern di Londra

Londra. Si potrebbe pensare che l’occhio radicale cui fa riferimento il titolo, sia in realtà quello di Sir Elton John in persona, la rockstar da 300 milioni di dischi venduti, che in venticinque anni ha dato vita a una collezione d’arte privata tra le più ricche al mondo, cresciuta secondo scelte di grande coerenza e qualità altissima. «The Radical Eye: Modernist Photography from the Sir Elton John Collection» porta alla Tate Modern, dal 10 novembre al 7 maggio, oltre 150 opere provenienti dalla raccolta, in una mostra che sigla la promessa di una lunga collaborazione tra il museo londinese e la Sir Elton John Photography Collection. Questa vanta oggi un patrimonio di oltre 7mila pezzi, che vanno dai primi del XX secolo alle più innovative produzioni contemporanee, anche se «L’era ...
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

Chiara Coronelli, da Il Giornale dell'Arte numero 369, novembre 2016

©RIPRODUZIONE RISERVATA
  • Un fotomontaggio del 1932 di Herbert Bayer: «Menschen unmöglich (Selbst-Porträt)» © The Sir Elton John Photographic Collection © DACS, 2016
  • Ilse Bing Willem, «Dancer», 1932 © The Sir Elton John Photographic Collection © The  Estate of Ilse Bing
  • Aleksandr Rodcenko, La torre Shukhov © A. Rodcenko & V. Stepanova Archive, DACS, RAO 2016
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012