Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

La «Hall of Fame» di Andy Warhol

170 opere nel Palazzo Ducale di Genova

Andy Warhol, «Liza Minnelli», 1978, serigrafia su tela, 101 x 101 cm, Collezione privata, © The Andy Warhol Foundation for the Visual Arts Inc. by SIAE 2016. Foto © Cristina Leoncini

Genova. È tutta social la comunicazione che preannuncia la mostra «Andy Warhol. Pop Society» che si apre a Palazzo Ducale a partire dal 21 ottobre. Un invito attraverso i social media rivolto soprattutto alla nuova generazione che pratica intensamente i selfie per conoscere o per approfondire l’opera di uno degli artisti che, a torto o a ragione, è considerato il profeta dell’immersione nel flusso continuo di informazioni e immagini che caratterizza l’epoca attuale. A cura di Luca Beatrice, la mostra è prodotta e organizzata da Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura e da 24 Ore Cultura-Gruppo 24 Ore e comprende 170 opere tra tele, stampe, disegni, polaroid, sculture e oggetti, provenienti da collezioni private, musei e fondazioni pubbliche e private italiane e straniere esposte nelle sale dell’Appartamento del Doge fino al 26 febbraio. Sei le linee conduttrici del percorso: le icone, i ritratti, i disegni, il rapporto dell’artista con l’Italia, le polaroid, la comunicazione e la pubblicità. E se i disegni preparatori di opere quali «Dollar Sign» (1981) o il ritratto di Mao (1972) raccontano quanto Warhol abbia deliberatamente rinunciato alla perizia artistica che faceva parte della sua formazione, l’ampia sezione dedicata alle fotogra e istantanee (oltre 90 pezzi) fa apparire in una nuova luce il concetto di immediatezza acquisito oggi, a oltre quarant’anni di distanza. Non manca tutto il repertorio della consueta «hall of fame» warholiana: cose e persone che vanno da Marilyn Monroe al barattolo di zuppa Campbell, dalla scatola Brillo a Jackie Kennedy, da Liza Minnelli a Mick Jagger e agli italiani Gianni Agnelli e Giorgio Armani.

Anna Costantini, da Il Giornale dell'Arte numero 368, ottobre 2016


  • Andy Warhol, Senza titolo («Mao»), 1972, serigrafia su carta, 91,44 x 91,44 cm, Collezione Teresa e Michele Bonuomo, Milano, © The Andy Warhol Foundation for the Visual Arts Inc. by SIAE 2016

Ricerca


GDA maggio 2019

Vernissage maggio 2019

Il Giornale delle Mostre online maggio 2019

Speciale AMART 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

RA Fotografia 2019

Vedere a ...
Vedere a Venezia maggio 2019

Vedere a Milano aprile 2019

Focus on Design

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012