Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Legni preziosi, ma snobbati

Una ricognizione sulla scultura lignea ticinese alla Pinacoteca Züst di Rancate

Scultore lombardo: Madonna in trono col Bambino, fine XII secolo-inizi del XIII secolo, Legno intagliato e dipinto, Arogno, chiesa di Santo Stefano

Rancate (Svizzera). Sempre originali, sempre legate al territorio, e sempre frutto di solidi studi, le mostre della Pinacoteca cantonale Giovanni Züst. Non fa eccezione «Legni preziosi. Sculture, busti, reliquiari e tabernacoli dal Medioevo al Settecento» (dal 16 ottobre al 22 gennaio), curata da Edoardo Villata con studiosi svizzeri e italiani e allestita da Mario Botta.
Dedicata alla scultura lignea «ticinese» (ticinese perché creata qui o perché qui importata in antico) dal XII al XVIII secolo, la mostra riunisce una cinquantina di opere, alcune inedite e tutte restaurate in quest’occasione, giunte da musei, chiese e monasteri del territorio, proponendosi come la prima vera ricognizione di questo aspetto sinora assai poco indagato della cultura visiva ticinese. In mostra figurano sculture romaniche, come la «Madonna» di Arogno e opere gotiche (di un gotico di volta in volta prezioso, come nella «Madonna» di Origlio, o drammatico, come nel  «Crocifisso» di Olivone), e importanti pezzi rinascimentali, spesso opera degli stessi artisti che operavano con grande fortuna a Milano e nel Ducato (i De Donati, il «Maestro di Santa Maria Maggiore», autori dall’ambito di Giacomo Del Maino e il manierista Battista da Corbetta), per spingersi poi negli assai meno esplorati secoli successivi.

La scultura lignea è oggetto di studi da non più di quarant’anni, specialmente nei territori contigui del Piemonte e della Lombardia, ma del suo lungo percorso è soprattutto l’età rinascimentale a essere stata scandagliata più a fondo, mentre il Medioevo e il Sei e Settecento sono tuttora poco esplorati. Questa mostra, tuttavia, oltre a presentare una prima vera ricognizione sulla scultura lignea del Medioevo, offre alcune «primizie» critiche anche per il Rinascimento, esibendo pezzi mai esposti prima, come la «Madonna di Loreto», da Bellinzona, e la «Vergine» ora di collezione privata ma un tempo a Minusio, o raramente visti, come la «Madonna con il Bambino» dalla parrocchiale di Malvaglia; oppure sculture attribuite in quest’occasione, come la coppia di «Angeli» da Giornico o il «Cristo portacroce» dalla Chiesa di Loreto a Lugano. Non mancano le sculture di area tedesca, importate qui sin dal Medioevo, ma moltiplicatesi al tempo della Riforma, quando molte chiese cattoliche, convertite, furono spogliate dei loro arredi sacri, talora avviati verso il sud (esemplari la «Pietà» di Claro, le sculture delle ancone di Monte Carasso, dal Landesmuseum di Zurigo, e l’altare di Foroglio). Non meno importanti le novità critiche offerte dalle sezioni del Sei e Settecento, provando come in questo periodo prenda il via una forte importazione di opere lignee, prima da Milano e dal Comasco, poi anche da Piemonte e Liguria. Molte anche qui le nuove attribuzioni, mentre s’impongono per spettacolarità il tabernacolo di Santa Maria del Bigorio, il «San Vincenzo Ferrer» da Vacallo e il «Beato Angelo Porro» da Mendrisio.

Ada Masoero, da Il Giornale dell'Arte numero 368, ottobre 2016


  • Madonna lignea proveniente da Dalpe
  • San Giorgio e il drago, proveniente da Losone
  • Altare proveniente da Foroglio
  • Madonna lignea proveniente da Olivone

Ricerca


GDA luglio/agosto 2019

Vernissage luglio/agosto 2019

Il Giornale delle Mostre online luglio/agosto 2019

Ministero luglio 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere in Calabria 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Vedere in Trentino luglio 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012