Lecce, il fuoco difensivo di Regina José Galindo

Anna Saba Didonato |

Novoli (Le). Anche quest’anno si rinnova l’appuntamento con la Fòcara, evento devozionale ultracentenario dedicato a sant’Antonio Abate, in cui «sacro e profano entrano in contatto con il gesto artistico contemporaneo».Gianfranco Baruchello è l’artista chiamato dal direttore artistico, Giacomo Zaza, a confrontarsi con il tema del fuoco, dopo la partecipazione di Jannis Kounellis nel 2015. L’intervento ideato da Baruchello per il monumentale falò che ogni anno viene acceso la sera del 16 gennaio, vigilia della ricorrenza del santo, si compone di due atti: il primo prevede che un gruppo di ragazzi di Novoli si esibiscano in una sorta di «gran galà di bandiere», innalzandone una cinquantina intorno alla pira. A seguire le bandiere saranno arrotolate e inserite nella struttura della fòcara fatta di fascine di vite. Con questo intervento, l’artista intende «superare i confini identitari nazionali e rivendicare il valore puro del legame con l’altro, con la comunità e più in generale con la specie umana», spiega Zaza.Sempre ...
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Anna Saba Didonato