Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Fotografia

Modena

Il Nord e l’enigma percettivo

La Fondazione Fotografia Modena espone le ultime acquisizioni e rende omaggio a Sandberg

Astrid Kruse Jensen, «Disappearing into the Past #54», 2012 dalla serie «Disappearing into the Past» stampa inkjet ai pigmenti copyright l’artista Collezione Fondazione Cassa di Risparmio di Modena

Modena. La Fondazione Fotografia Modena inaugura il 18 settembre la rassegna «Fotografia contemporanea dall’Europa nord-occidentale. Capitolo I», un’indagine sulla produzione dei Paesi nordici, allestita fino al 10 gennaio negli spazi del Foro Boario.
Curato da Filippo Maggia, il progetto si articola, da una parte, nella presentazione di una settantina di opere recentemente acquisite dalla fondazione e finora mai esposte; e dall’altra, in una mostra nella mostra intitolata «Tom Sandberg. Around Myself», omaggio all’artista norvegese scomparso lo scorso anno, appena sessantenne.
Questo primo capitolo, al quale seguirà una seconda panoramica sull’area sud-occidentale europea, include diciannove autori provenienti da un territorio che comprende Germania, Gran Bretagna e Scandinavia: si va da nomi affermati come Wolfgang Tillmans, Willie Doherty e Gillian Wearing agli emergenti, tra i quali Hallgerður Hallgrímsdóttir, Sandra Kantanen e Astrid Jensen.
In un’eterogeneità che include ritratto, paesaggio, staged photography, reportage e installazione, si toccano temi che vanno dalle urgenze politiche e ambientali, all’intimità poetica, senza rinunciare a riflettere sui processi creativi, come sulla storia della fotografia, sulla funzione delle immagini nella realtà contemporanea e sul loro potere. Curata da Maggia con Sune Nordgren, la mostra dedicata a Sandberg arriva sette anni dopo la grande retrospettiva al PS1 di New York, a proposito della quale il critico Carlo McCormick aveva scritto: «L’arte di Sandberg non è un prodotto dell’esperienza; è un processo di esperienza. La sua scelta del soggetto è intrinsecamente eclettica, a volte immensamente vasta, altre intimamente piccola; il vero dramma è un dialogo visivo sulla natura della percezione».

Proprio nell’enigma percettivo è la radice di un lavoro che per oltre trent’anni si è svolto in una sorta di nomadismo tematico sorretto però da una grande coerenza tecnica. Sandberg fa uso quasi esclusivo del grande e medio formato, e di un bianco e nero morbido, stampato all’argento e al palladio su supporti come l’alluminio e il cotone, che moltiplicano le sfumature all’infinito.
Cresciuto con i film di Bergman e vissuto nella stessa Oslo di Munch, Sandberg ha una visione quasi allucinata, che si biforca verso la consistenza evidente della vita e dei suoi dettagli. Tutto può rientrare nell’obiettivo: le montagne innevate e il mare, gli orizzonti e le strade, un aereo e un’auto parcheggiata, gli interni, e una figura umana mai data per riconoscibile, resa come ombra. In questa ambiguità della visione Sandberg legge l’instabilità dell’esperienza umana, il suo situarsi tra due punti, tra presenza e nostalgia, realtà e ricordo. Il percorso è volutamente disomogeneo e privo di didascalie, una scelta dello stesso artista che poco prima di morire, con l’amico Sune Nordgren, aveva immaginato la sua ultima mostra come un’immersione nel «caos esistenziale», dove ognuno è chiamato a trovare una propria risposta.

Chiara Coronelli , da Il Giornale dell'Arte numero 356, settembre 2015


  • Wolfgang Tillmans Lux, 2009 stampa inkjet  copyright l’artista Collezione Fondazione Cassa di Risparmio di Modena
  • Sarah Jones The Rose Gardens (Orange) (I), 2002 stampa a colori copyright l’artista Collezione Fondazione Cassa di Risparmio di Modena
  •  Hallgerður Hallgrímsdóttir Untitled, 2012 stampa inkjet copyright l’artista Collezione Fondazione Cassa di Risparmio di Modena
  • Tom Sandberg Untitled, 2005 Courtesy: Tom Sandberg Estate
  • Tom Sandberg, «Untitled», 2009 Courtesy: Tom Sandberg Estate
  • Tom Sandberg, «Untitled», 2006 Courtesy: Christopher Westberg
  •  Sandra Kantanen Untitled (Pink Flowers), 2013 Stampa ai pigmenti  copyright l’artista Collezione Fondazione Cassa di Risparmio di Modena

Ricerca


GDA gennaio 2020

Vernissage gennaio 2020

Il Giornale delle Mostre online gennaio 2020

RA Case d

Vedere a ...
Vedere a Bologna 2020

Vedere a Napoli 2019

Vedere in Sardegna 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012