MUSEO INFINITO 970x90 gif
Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

Il silenzio è finlandese

Esko Männikkö alla Collezione Maramotti

Esko Männikkö , «Organized Freedom 106», 2004, stampa a colori a getto d’inchiostro dalla serie Organized Freedom
 ©Esko Männikkö

Reggio Emilia. Fino al 27 settembre la Collezione Maramotti espone una selezione di fotografie di Esko Männikkö a sottolineare le «affinità elettive» fra la sua ricerca e la Collezione. Al centro della sua poetica, l’artista finlandese, classe 1959, pone la fusione compostiva di elementi sostanziali e formali: il tempo quale presenza e assenza (soggetto dell’opera) da un lato, e la luce e la composizione come strumenti espressivi, dall’altro. Perfino le cornici (recuperate nei mercatini o realizzate su misura con legno di riuso) intervengono a dare alle sue opere qualità tonali, compositive e luministiche di sospensione metafisica. in cui sono state ritrovate eco della ritrattistica rinascimentale e dei dipinti di Vermeer.
Männikkö (fotografo autodidatta, a lungo ostracizzato dalle tendenze di ricerca e scuole di fotografia tradizionali) indaga oggetti, luoghi, persone e stili di vita a lui familiari ma universali, in un approccio focalizzato sulla celebrazione dell’ordinaria bellezza e dignità del quotidiano.

Giovanni Pellinghelli del Monticello, edizione online, 19 giugno 2015

©RIPRODUZIONE RISERVATA
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012