Kounellis mai visto

Ad.M. |

Realizzata in collaborazione con la Raussmüller Collection, prosegue fino al 25 settembre da Christian Stein, nelle sedi di corso Monforte 23 a Milano e di via Vincenzo Monti 46 a Pero, una personale di Jannis Kounellis, curata da Eduardo Cicelyn, che riunisce opere dell’artista greco-italiano scelte da Urs Raussmüller e da Gianfranco Benedetti (titolare, quesdt’ultimo, della Stein) entrambi da 40 anni in rapporto di stretta familiarità con l’artista: Benedetti ha infatti realizzato nelle proprie gallerie 26 mostre di Kounellis e promosso numerose sue installazioni museali nel mondo; Raussmüller, dopo aver acquisito nel 1976 i primi lavori dell’artista, dal 1978 lo ha presentato nei suoi spazi espositivi dell’InK a Zurigo e poi delle Hallen für Neue Kunst a Schaffausen. Ciò che Raussmüller e Benedetti si propongono con questa mostra è di liberare l’artista dal ruolo, nobilissimo ma ormai alquanto datato, di «maestro dell’Arte Povera», poiché Kounellis (1935) non solo continua a essere un acuto testimone del nostro ...
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Ad.M.