Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Bonn

A New York la pittura perdura

Nonostante la globalizzazione, il dominio della pittura europea negli anni Novanta con gli Young British Artists, l’esplosione della moda della pittura esteuropea, cinese e indiana e da ultimo quella mediorientale abbiano reso consapevoli di come il centro vitale della produzione artistica abbia da tempo lasciato gli Stati Uniti e New York, quest’ultima conosce oggi un rinnovato splendore artistico. Dato l’alto numero di artisti (chi più chi meno importante) che vivono e lavorano a New York, appare evidente che la Grande Mela non ha perso nulla del suo fascino. Soprattutto per quel che riguarda la pittura: la scena newyorkese continua ad attrarre artisti anche dalla vivace West Coast e oggi, a metà del secondo decennio del XXI secolo, la pittura a Manhattan e dintorni è vivace come ai tempi dell’Espressionismo astratto negli anni Cinquanta e della Pop art negli anni Sessanta: l’unica differenza è la pluralità di stili e forme espressive. La pittura newyorkese vive oggi una fase di rinascita grazie a una generazione di artisti che esulano da ogni schema operativo e identificativo.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

G.P.M., da Il Giornale dell'Arte numero 354, giugno 2015


Ricerca


GDA marzo 2019

Vernissage marzo 2019

Il Giornale delle Mostre online

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012