Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Gallerie

Prato

Kolár oltre il collage

Jirí Kolár di fronte alle immagini è come un alchimista alle prese con gli elementi. All’artista ceco nato nel 1914, il cui nome è strettamente legato alla tecnica del collage, il Museo di Pittura Murale in San Domenico e la galleria Open Art dedicano la prima retrospettiva italiana dopo la morte, avvenuta a Praga nel 2002. Il percorso, ospitato in entrambe le sedi fino al 28 giugno, è curato da Francesca Pola e Mauro Stefanini e presenta una selezione di oltre 150 opere realizzate nell’arco dell’intera carriera. Nei suoi lavori frammenti di scrittura e opere d’arte sono le esili tracce della realtà scomposta e ricomposta con precisione chirurgica per dare luogo a visioni labirintiche di mondi sconosciuti. La scompaginazione analitica degli oggetti nel periodo giovanile lascia presto il posto agli automatismi associativi e alle giustapposizioni degli anni Quaranta, nelle quali accostando personaggi simili in contesti differenti l’autore  produce sottili slittamenti di significato. Negli anni Sessanta si fa spazio il chiasmage, dove cifre, note e lettere sono assemblate per comporre figure o ricoprire oggetti che rivelano una natura caleidoscopica (nella foto, un esemplare).
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

J.D., da Il Giornale dell'Arte numero 353, maggio 2015


Ricerca


GDA novembre 2019

Vernissage novembre 2019

Il Giornale delle Mostre online novembre 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere a Torino 2019

Vedere in Canton Ticino 2019

Vedere in Emilia Romagna 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012