GDA415 IN EDICOLA
Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

Gli oggetti parlanti di Ghadirian

La mostra «The Others Me» (fino al 21 giugno), curata da Silvia Cirelli per le Officine dell’Immagine, è la più ampia retrospettiva sinora vista in Italia di Shadi Ghadirian, una delle più importanti artiste mediorientali del nostro tempo. Poco più che quarantenne (è nata nel 1974 a Teheran, dove vive), nel suo lavoro riflette su temi cruciali del nostro tempo, dalla guerra, il cui marchio bruciante è ancora impresso sugli iraniani che come lei hanno vissuto il conflitto con l’Iraq, alla condizione femminile nel suo Paese. Immagini di grande forza, mai retoriche né brutali, che fanno ricorso a simboli, ora attingendo all’immaginario delle fiabe, ora esplorando il passato del suo Paese e servendosene come di una metafora. I primi lavori in mostra appartengono alla serie «Miss Butterfly», 2011, ispirata a una fiaba iraniana in cui si narra di una farfalla che, in cerca del sole, cade prigioniera nella tela di un ragno: Ghadirian l’ha tradotta in immagini di donne che, in interni bui, tessono ragnatele.
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

Ada Masoero, da Il Giornale dell'Arte numero 353, maggio 2015

©RIPRODUZIONE RISERVATA
GDA415GDA 415 GDMostre
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012