Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Mostre

Venezia

Magico e scandaloso

Nel 1925 il critico tedesco Franz Roh coniò l’espressione Realismo magico per descrivere il naturalismo minuzioso ma dall’effetto straniante, di magica sospensione, che caratterizzava la pittura degli esponenti della Nuova Oggettività. Negli stessi anni in Italia tra i maggiori rappresentanti di questo stile figurava Cagnaccio di San Pietro, pseudonimo di Natale Scarpa, nato nel 1897 a Desenzano del Garda e morto prematuramente 49 anni dopo. La riproposizione di un figurativismo classico (quello dei maestri rinascimentali italiani) e il rigetto delle sperimentazioni delle avanguardie informavano la sua pratica pittorica, nel rigoroso clima di «ritorno all’ordine» dell’Italia del primo dopoguerra. Dal 6 maggio al 27 settembre Ca’ Pesaro dedica al maestro veneto una retrospettiva, connessa alla grande esposizione sulla Neue Sachlichkeit al Museo Correr (cfr. p. 33). Tra i capolavori in mostra l’audace nudo di «Primo denaro» (nella foto), parte di una «scandalosa» trilogia del 1928, una serie di potenti ritratti, tra cui l’inedito «Ritratto di Giuseppina Dalla Pasqua», nature morte e dipinti di carattere religioso e allegorico, come «La tempesta» e «La furia».
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

F.Flo., da Il Giornale dell'Arte numero 353, maggio 2015


Ricerca


GDA luglio/agosto 2019

Vernissage luglio/agosto 2019

Il Giornale delle Mostre online luglio/agosto 2019

Ministero luglio 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere in Calabria 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Vedere in Trentino luglio 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012