GDA414 in edicola
Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

Florence allo specchio

Fu nel 1927 al Bauhaus di Dessau, insieme a László Moholy-Nagy, che Florence Henri (1893-1982) decise di mettere da parte per un po’ la pittura e dedicarsi alla fotografia. I suoi primi scatti li realizzò a Parigi, dove viveva dal 1924 (era nata a New York) dopo aver girovagato per l’Europa, combinando gli insegnamenti del Cubismo e del Costruttivismo. Sin nelle prime composizioni è presente un elemento essenziale: lo specchio. Le nature morte realizzate a partire da pochi elementi, frutta o oggetti industriali, che chiama le «Composition», sono immagini sobrie eppure complesse per gli spazi frammentati e le molteplici prospettive. Lo stesso principio lo applica anche ai ritratti (nella foto, «Portrait Composition, Cora»
1931) e agli autoritratti. L’autoritratto con specchio e biglie metalliche è del resto una delle opere più note dell’artista dai tanti talenti, il riflesso di un’anima emancipata e anticonvenzionale. La carriera da fotografa di Florence, amica di Man Ray e André Kertesz, fu piuttosto breve (dal 1927 al 1940), ma bastò a farne una figura centrale dell’avanguardia tra le due guerre.
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

L.D.M., da Il Giornale dell'Arte numero 352, aprile 2015

©RIPRODUZIONE RISERVATA
GDA414GDA414 VERNISSAGEGDA414 GDECONOMIAGDA414 GDMOSTREGDA414 RA ASTE
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012