Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Fotografia

Roma

Paesaggi e vestigia

«Rimesto in un confuso immaginario mitico e fisso il mio stesso stupore. Determinato a inseguire la meraviglia»: così Luca Campigotto, uno dei migliori fotografi italiani della sua generazione, nato a Venezia nel 1962, trasferitosi dapprima a Milano e da qualche anno a New York, protagonista della mostra personale in corso fino al 27 giugno alla Galleria del Cembalo di Roma. Il titolo dell’esposizione, «Wildlands e Cityscapes» apre in realtà sul duplice aspetto dell’ispirazione dell’artista, da sempre diviso tra la passione per i paesaggi naturali, per la dismisura visiva ed emotiva dei luoghi estremi come la Patagonia o la Lapponia, e quella per il panorama urbano, per le sue luci e le sue geometrie, che ha trovato proprio nelle metropoli americane, in testa New York e Chicago (nella foto, «Chicago», 2008), luoghi privilegiati di azione. Non vanno dimenticate infine, in un autore la cui poliedricità degli interessi si coniuga con la coerenza del linguaggio, le più recenti fatiche dedicate alle montagne della prima guerra mondiale, un lavoro durato più anni che ha portato alla realizzazione dell’imponente volume Teatri di guerra (cfr.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

W.G., da Il Giornale dell'Arte numero 352, aprile 2015



GDA409 Luglio-Agosto 2020

GDA409 Vernissage Luglio-Agosto 2020

GDA409 Il Giornale di Economia Luglio-Agosto 2020

GDA409 Il Giornale delle Mostre Luglio-Agosto 2020

GDA409 Vedere in Emilia-Romagna

GDA409 Vedere nelle Marche

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012