Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Il tallone di Achille

Essere postmoderni, cioè istantanei (l’infelicità è bandita)

Essere postmoderni significa essere istantanei. Warhol ha prodotto arte istantanea, per composizione e diffusione, produzione e consumo. Il che significa un radi e getta, come diceva una pubblicità. Del suo dipingi e getta resta il metodo, l’aspetto concettuale che assume il bisogno di una splendente superficialità. Qui superficialità significa trasparenza del fine e del mezzo. Come per tutte le attività produttive, il fine dell’arte è il successo. Il mezzo è quello seriale che moltiplica l’immagine come tutti i prodotti industriali. Profetizzati da Baudelaire, Warhol, Koons e Hirst hanno immortalato il cannibalismo produttivo della grande merce che non ammette pause o vuoti di consumo. La Factory è stato il tentativo ironico di gareggiare con l’industria mettendo il copyright personale sull’immaginario della società di massa. Qui ogni infelicità è bandita.

...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Achille Bonito Oliva, da Il Giornale dell'Arte numero 352, aprile 2015


Ricerca


GDA giugno 2019

Vernissage giugno 2019

Il Giornale delle Mostre online giugno 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere in Friuli giugno 2019

Vedere a Venezia maggio 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012