Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Il tallone di Achille

Essere postmoderni, cioè istantanei (l’infelicità è bandita)

Essere postmoderni significa essere istantanei. Warhol ha prodotto arte istantanea, per composizione e diffusione, produzione e consumo. Il che significa un radi e getta, come diceva una pubblicità. Del suo dipingi e getta resta il metodo, l’aspetto concettuale che assume il bisogno di una splendente superficialità. Qui superficialità significa trasparenza del fine e del mezzo. Come per tutte le attività produttive, il fine dell’arte è il successo. Il mezzo è quello seriale che moltiplica l’immagine come tutti i prodotti industriali. Profetizzati da Baudelaire, Warhol, Koons e Hirst hanno immortalato il cannibalismo produttivo della grande merce che non ammette pause o vuoti di consumo. La Factory è stato il tentativo ironico di gareggiare con l’industria mettendo il copyright personale sull’immaginario della società di massa. Qui ogni infelicità è bandita.

...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Achille Bonito Oliva, da Il Giornale dell'Arte numero 352, aprile 2015



GDA410 SETTEMBRE 2020

GDA410 Vernisage

GDA410 GDEconomia

GDA410 GDMostre

GDA410 Vedere a Milano

GDA410 Vedere a Venezia

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012