Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

L'Orlando furiosa

Gli architetti più bravi degli storici dell’arte

Da anni gli architetti delle Soprintendenze sono abituati a fare un mestiere leggermente diverso da quello per cui sono formati. Gli storici dell’arte meno, standosene questi più strenuamente arroccati nella loro torre eburnea di certezze o seducenti disquisizioni. Anche quando lavorano sul territorio, e devono «tutelare» nella perenne frustrazione di non poter studiare, pubblicare, scrivere. È per questo che il ministo Franceschini ha pensato di preferire a loro gli architetti a capo delle posizioni strategiche nella direzione dei Beni culturali con il nuovo assetto delle Soprintendenze che le nomine ora ufficiali hanno pressoché definito? Perché gli architetti sono più capaci di adeguarsi a un ruolo di manager, che è quello che oggi si chiede insieme ai requisiti tecnici? Vale la pena, come esercizio di coscienza, porsi queste domande, soprattutto in vista della formazione delle prossime generazioni, visto che, Deo gratias, parrebbe tornare la storia dell’arte, insieme alla musica, come materia fondante nella formazione delle nuove generazioni.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Anna Orlando, da Il Giornale dell'Arte numero 352, aprile 2015


Ricerca


GDA maggio 2019

Vernissage maggio 2019

Il Giornale delle Mostre online maggio 2019

Speciale AMART 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

RA Fotografia 2019

Vedere a ...
Vedere a Venezia maggio 2019

Vedere a Milano aprile 2019

Focus on Design

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012