Palazzo Ducale di Urbino: revisione per i torricini e nuovi spazi per la Galleria

Ste.Mi. |

I due torricini del Palazzo Ducale che svettano agili verso il cielo per chi arriva da ovest a Urbino non rappresentano soltanto un’immagine senza eguali. La coppia di torri con guglie, separate da tre logge sovrapposte in pietra bianca opera dell’architetto Luciano Laurana (1468-1472), sintetizzano come l’umanesimo patrocinato da Federico da Montefeltro sapesse assorbire elementi del Gotico fino a trasformarli in una lingua nuova. Hanno resistito alle ingiurie del tempo e alle scosse sismiche ma, a quasi cinquant’anni dagli ultimi interventi, reclamavano una revisione approfondita. Lo sostiene il direttore dei lavori in corso Biagio De Martinis, della Direzione regionale dei Beni architettonici e culturali delle Marche, facendo sapere che il restauro ha consentito di ricavare una zona centrale tra le torri «molto consistente che rendiamo visitabile e che potrà contenere opere di dimensioni
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di Ste.Mi.