Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Archeologia

Torino

La visita si fa in salita: dall’Ipogeo al secondo piano

Una volta varcato l’ingresso del museo da via Accademia delle Scienze, si prosegue al piano sotterraneo nella «hall ipogea» con ai lati biglietteria e bookshop. Da qui ha inizio la visita vera e propria con le due sale e il corridoio adiacente in cui si ripercorrono con documenti d’archivio e fotografie d’epoca le tappe della genesi del museo nato nel 1824 grazie alla collezione del diplomatico piemontese Bernardino Drovetti e alle campagne di scavo di Ernesto Schiaparelli tra 1903 e 1920 (esposti il famoso «Papiro regio» o «Canone Reale» e il Papiro di Iuefankh, lungo 19 metri). Un sistema di scale mobili conduce al secondo piano e quindi alle 8 vetrine del Predinastico organizzate secondo un percorso tematico, alla sala dell’Antico Regno che annovera tra i reperti una notevole collezione di tessuti di lino plissettati. Poi la Tomba di Ignoti con gli oggetti disposti come al momento della scoperta e le pitture di Iti e Neferu, uno dei cicli pittorici più straordinari per un periodo così antico (Primo periodo Intermedio).
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

L.G., da Il Giornale dell'Arte numero 351, marzo 2015


Ricerca


GDA luglio/agosto 2019

Vernissage luglio/agosto 2019

Il Giornale delle Mostre online luglio/agosto 2019

Ministero luglio 2019

Guida alla Biennale di Venezia maggio 2019

Vedere a ...
Vedere in Calabria 2019

Vedere nelle Marche 2019

Vedere in Puglia e Basilicata 2019

Vedere in Trentino luglio 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012