Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Fulmini e saette

L’attitudine archeologica del contemporaneo

Pubblicato oggi a distanza di circa trent’anni dalla versione originale inglese, L’antiestetica a cura di Hal Foster spinge il lettore da un lato a comprendere specificità e differenza dei singoli saggi, dall’altro a considerare retrospettivamente come la scena artistica e culturale si sia nel frattempo modificata. Alla data in cui appare, nel 1983, il volume si propone di riflettere sulla cesura che corre tra i ’50 e i ’60 e che improvvisamente sembra congedare il mito modernista: niente più utopie emancipazionistiche di origine illuminista, dunque, niente più filosofie della storia (o storie dell’arte) orientate a un inevitabile progresso. Invece, aleatorietà (la musica di Cage è tra i riferimenti principali del testo, con i combine painting e le serigrafie di Rauschenberg), ironia, rifiuto dell’ufficialità, a tratti vincolo di complicità e appartenenza (è il caso delle artiste femministe). Hal Foster, curatore della raccolta, cerca di presentare in modo organico pratiche sperimentali assai diverse e di ricondurle a un progetto critico unitario, postmoderno appunto, in cui coabitino connoisseurship, termine che peraltro non usa, e critica sociale.
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

Michele Dantini , da Il Giornale dell'Arte numero 350, febbraio 2015


Ricerca


GDA dicembre 2019

Vernissage dicembre 2019

Il Giornale delle Mostre online dicembre 2019

Vedere a ...
Vedere a Napoli 2019

Vedere in Sardegna 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012