GDA415 IN EDICOLA
Nuova testata GDA
Nuova testata GDA

Con «il cuore nella penna» e nella macchina fotografica

Antonia Pozzi, Angelus della sera, Pasturo, Valsassina, Lombardia, estate 1938

Milano. «Caro Dino, l’altro giorno hai detto che nelle fotografie si vede la mia anima: e allora eccotele. Qui troverai tante cose che già conosci: dietro a ciascuna ho scritto un titolo o delle parole con poco senso, che però tu capirai. Caro caro Dino, che almeno tu possa foggiare la tua vita come io sognavo che diventasse la mia: tutta nutrita dal di dentro e senza schiavitù. In ciascuna di queste immagini vedi ripetuto questo augurio, questa certezza». Così scriveva Antonia Pozzi (1912-38) all’amico Dino Formaggio qualche mese prima di interrompere la sua vita con la morte volontaria, avvenuta a soli ventisei anni il tre dicembre del 1938.

Le fotografie di cui parla Antonia nella lettera sono solo alcune tra le tante che aveva cominciato a scattare nel 1929, lo stesso anno in cui, non casualmente, aveva iniziato a dare voce alla propria anima «palpitante, ridente, nostalgica, appassionata» attraverso la poesia. Poesia e fotografia, le due grandi passioni-vocazioni di Pozzi, sono intimamente ...

Chiara Pasetti, edizione online, 17 novembre 2015

©RIPRODUZIONE RISERVATA
  •  Antonia Pozzi a Champoluc, Val d’Ayas, ottobre 1937 (autore sconosciuto)
GDA415GDA 415 GDMostre
Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012