Una testa di Alessandro e l’Ercole nemeo

V.B. |

New York. Delle aste archeologiche programmate a Manhattan l’11 e 12 dicembre in Italia si era cominciato a parlare già il mese prima: una scultura sarda in marmo di epoca prenuragica (2500 a.C.), infatti, che era stata consegnata da una collezione privata a Christie’s per l’asta dell’11, con stime comprese tra 640mila e 960mila euro, è stata ritirata dall’asta su richiesta del nostro Nucleo tutela patrimonio artistico dei Carabinieri affinché se ne possano verificare le circostanze di provenienza. Le indagini sono in corso.
I due giorni di aste a New York hanno incassato in totale circa 11,9 milioni di euro. Christie’s aveva due cataloghi, uno di reperti archeologici, l’altro di gioielli antichi; per il primo, la casa d’aste di Rockefeller Plaza ha incassato 6 milioni di euro; per il secondo, 591mila. Sotheby’s per la sua asta ha incassato 5.252.000 euro.
Nella vendita di Christie’s il
...
(l'articolo integrale è disponibile nell'edizione su carta)

© Riproduzione riservata
Altri articoli di V.B.