Il Giornale dell\ ilgiornaledellarte.comwww.allemandi.com

Antiquari

Bruxelles

Cinquemila anni

Tra le gemme di Brafa a gennaio, una tabacchiera in oro e smalto di Carlo Alberto di Savoia

Una figura borgognona del 1480 ca di Sant’Antonio abate (Chiale, Racconigi, Cn)

Dal 3000 a.C. al 2014. È di più di cinquemila anni l’arco cronologico coperto dalla 60ma edizione di Brafa (Brussels Antiques and Fine Art Fair), la più importante fiera belga di antiquariato (aperta dal 24 gennaio al primo febbraio). L’oggetto più antico, nello stand della Galerie Cybele (Parigi), è una «kandila» cicladica: si tratta di un contenitore in marmo datato al 2800-3000 a.C.; il più recente è un’opera di Ross Bleckner del 2014 (un olio su tela, «Interior»), presentato dalla Maruani & Mercier Gallery di Bruxelles.
La rassegna belga si estende su una superficie di oltre 15mila mq nel complesso industriale Tour & Taxis, edificio realizzato all’inizio del XX secolo lungo il canale fluviale che mette in comunicazione Bruxelles e Charleroi. Tra i numeri della manifestazione vanno anche ricordati i 55mila visitatori dell’ultima edizione, quella dello scorso gennaio.
Tra i 126 espositori vi sono dodici nuovi ingressi, tra cui una delle più antiche ...
...
(il testo integrale è disponibile nella versione cartacea)

V.B. , da Il Giornale dell'Arte numero 349, gennaio 2015


  • «Alternandosi e dividendosi», un’opera del 1988 di Alighiero Boetti (Robertaebasta, Milano)
  • La tabacchiera in oro e smalto appartenuta a Carlo Alberto, nello stand della Galerie Lamy (Bruxelles)
  • La «Minerva Giustiniani», opera del 1795 di Pierre Petitot (Il Quadrifoglio, Milano)

Ricerca


GDA febbraio 2019

Vernissage febbraio 2019

Vedere a ...
Vedere a Bologna 2019

Società Editrice Umberto Allemandi s.r.l.
Piazza Emanuele Filiberto, 13/15 10122 Torino
Tel 011.819.9111 - P.IVA 04272580012